menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La musica sinfonica sale sul palco con Yuri Temirkanov

Domenica 11 settembre alle ore 21 presso l'Auditorium Palacongressi di Rimini (via della Fiera, 52) va in scena il secondo dei concerti sinfonici nel cartellone della 62a Sagra Musicale Malatestiana

Domenica 11 settembre alle ore 21 presso l’Auditorium Palacongressi di Rimini (via della Fiera, 52) va in scena il secondo dei concerti sinfonici nel cartellone della 62a Sagra Musicale Malatestiana. A salire sul palcoscenico sarà un direttore del carisma di Yuri Temirkanov, che saprà trascinare con raffinatezza  e piglio l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo. Il programma lascia spazio agli autori russi con la Fantasia Sinfonica “Francesca da Rimini” op. 32 e la Sinfonia n. 4 in fa minore op.36 di Caijovskij, affiancate alla Rapsodia su un tema di Paganini per pianoforte e orchestra op. 43 di Rachmaninov, affidata al virtuosismo del pianista russo di origine tartara Roustem Saitkoulov, vincitore del Primo Premio al World Piano Festival di Montecarlo e di numerosi altri premi in importanti concorsi pianistici internazionali.

La serata è realizzata con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini. Yuri Temirkanov è nato nella città caucasica di Nalchik, Yuri Temirkanov inizia gli studi musicali a nove anni. A tredici frequenta la Scuola di Leningrado per giovani talenti dove prosegue gli studi in violino e viola. Al termine del corso studia al Conservatorio di Leningrado, dove completando la formazione di violista si dedica allo studio della direzione d’orchestra diplomandosi nel 1965. Dopo la vittoria del prestigioso Concorso Nazionale di Direzione d’Orchestra nel 1966, Temirkanov viene invitato da Kiril Kondrashin a partecipare ad una tournée in Europa e negli Stati Uniti con il leggendario violinista David Oistrakh e l’Orchestra Filarmonica di Mosca. Il suo debutto con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo - all’epoca Filarmonica di Leningrado – risale agli inizi del 1967 a cui seguì l'invito a far parte dell’orchestra come assistente del direttore Yevgeny Mravinsky. Accademico Onorario di Santa Cecilia, ha ricevuto in Italia il "Premio Abbiati" come Miglior Direttore nel 2002 e successivamente la nomina di "Direttore dell’anno" 2003.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento