Alla Regina una stagione di classici senza tempo

"Il Maestro e Margherita" con Michele Riondino apre il cartellone del teatro di Cattolica. In scena anche Finocchiaro, Preziosi, Pecci, mentre Catherine Spaak canta "Il piccolo principe". E allo Snaporaz spazio al contemporaneo

Venti appuntamenti tra prosa, musica, danza e comicità, con apprezzati interpreti e grandi classici: si alza il sipario sulla stagione teatrale di Cattolica, che si divide tra Teatro della Regina e il Salone Snaporaz.

Ad aprire il sipario il 6 novembre, nel primo appuntamento del cartellone della prosa, sarà una delle più strazianti vicende d’amore che la letteratura abbia conosciuto: Il maestro e Margherita con Michele Riondino. A fargli da controcanto, il Teseo di una stralunata e liberante Angela Finocchiaro in Ho perso il filo, moderna rilettura del tema del labirinto (20 novembre) per avvicinarsi quindi all’immaginario floreale del nuovo spettacolo della Compagnia Pippo Delbono, La gioia (4 dicembre).  L’anno nuovo si aprirà il 9 gennaio con Alessandro Preziosi che darà vita alla drammatica umanità di Vincent Van Gogh; il viaggio tra gli intramontabili della letteratura continuerà con Daniele Pecci, volto de Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello (1 febbraio) e con Franco Branciaroli che ci racconterà la storia del generoso galeotto Jean Valjean nell’immensa epopea de I Miserabili di Victor Hugo (4 marzo). L’intero cartellone di prosa verrà audiodescritto per non vedenti e ipo-vedenti.

Comicità con Teresa Mannino in Sento la terra girare (25 marzo) per continuare con volti di primissimo piano come la Perfetta Geppi Cucciari (7 febbraio) e il delirante e visionario Paolo Migone nel suo commovente abbraccio ai padri della musica classica (22 marzo).

Ampio spazio alla Danza con Il Balletto di Milano in Le mille e una notte di Sheherazade (15 dicembre), due atti proposti dai giovanissimi Federico Mella e Alessandro Torrielli e la Compagnia eVolution Dance Theater (19 gennaio). 

Tra le proposte musicali,  il racconto senza tempo de Il Piccolo Principe (15 febbraio) di Antoine De Saint-Exupery riletto da Catherine Spaak su musiche dal vivo di Luis Bacalov, Philip Glass, Michael Nyman ed Erik Satie interpretate dal flauto Massimo Mercelli e dal pianoforte Corrado De Bernart così come lo spettacolo di artisti quali Cristina Donà, Rita Marcotulli, Enzo Pietropaoli, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Saverio Lanza e Cristiano Calcagnile in Amore che vieni, amore che vai. Fabrizio De Andrè, le donne e altre storie (5 aprile).

Sul versante contemporaneo il Salone Snaporaz aprirà con le Marionette di Obraszov il 28 novembre in Concerto straordinario, un gala di brani in cui le marionette fanno la parodia di artisti dei generi più diversi: cantanti, ballerini, musicisti e prestigiatori. Con Harleking (6 dicembre) la coreografa Ginevra Panzetti e il performer Enrico Ticconi interpretano un moderno Arlecchino della Commedia dell’arte. Al progetto Teatro e salute mentale della Regione Emilia Romagna si deve Humanitas (17 gennaio) del gruppo L’Albatro/Teatro dei Venti.  Anche lo Snaporaz accoglierà i classici come l’Andromaca di Euripide nell’interpretazione di Massimiliano Civica e I Sacchi di Sabbia (19 febbraio) o Il Vampiro, un topos del gotico con Silvio Castiglioni (14 marzo). Si proseguirà una finestra sul tema attualissimo della donna e della femminilità, in scena due coreografe e performer, l’italiana Francesca Penzo e l’israeliana Tamar Grosz in Esemplari femminili (27 marzo).  

A chiudereun lavoro creato ad hoc allestito in anteprima a Cattolica per poi circuitare su territorio nazionale: la rivisitazione di un successo cinematografico planetario quale il film di Ridley Scott Thelma e Louise attraverso la voce e la recitazione di Angela Baraldi e Francesca Mazza e il pianoforte di Rita Marcotulli (12 aprile).

A completare il cartellone, i consueti appuntamenti con il teatro ragazzi: oltre ai matineé del Teatro della Regina riservati alle scuole, le domenicali del Salone Snaporaz dedicate alle famiglie che si apriranno con le magiche bolle di Michele Cafaggi (13 gennaio) e proseguiranno con uno spettacolo sull’accettazione del diverso, Il fiore azzurro della Compagnia Burambò (27 gennaio), con Il piccolo clown (10 febbraio) nella straordinaria interpretazione di Nicolò Saccardo, un bambino di soli sette anni, con il padre Klaus e si chiuderanno con l’intramontabile fiaba di Hänsel e Gretel del Teatro delle Briciole (24 febbraio).

La sottoscrizione dei nuovi abbonamenti si svolgerà dal 5 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento