"Angeli e Demoni. Il Cielo scolpito del Tempio Malatestiano", una evento tra arte e misteri

Per il terzo appuntamento del ciclo autunnale de I Maestri e il Tempo, la rassegna culturale promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini in collaborazione con la Biblioteca Gambalunga dedicata al tema Il Codice celeste. L’Astronomicon di Basinio e la cultura del Rinascimento”, venerdì 29 novembre salirà in cattedra Alessandro Giovanardi, curatore del ciclo d’incontri insieme ad Oriana Maroni. Lo storico e critico d’arte, docente di Arte Sacra e di Iconografia e Iconologia presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Rimini-San Marino-Montefeltro “Alberto Marvelli” e responsabile delle attività culturali della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, terrà una conferenza dal titolo “Angeli e Demoni. Il Cielo scolpito del Tempio Malatestiano”, nella quale si concentrerà in particolar modo sul dialogo Putti - Angeli.

"Occorre chiedersi se è vero – spiega Giovanardi- ciò che scrive il grande nemico di Sigismondo Pandolfo Malatesta, Enea Silvio Piccolomini  (papa Pio II), che il Tempio è pieno di Demoni, intesi come  Diavoli, dèi pagani, idoli. Non è piuttosto evidente che il Tempio, in tutte le sue sculture, è dato dalla fitta compresenza di elementi classici e biblici? Partendo dall'Astronomicon, poema astrologico di Basinio da Parma, vorrei ricordare che il Cielo del Tempio non è solo quello della Cappella dei Pianeti o dello Zodiaco. Tutto il Tempio è popolato di figure celesti: le Virtù alate, i Putti, gli Angeli, le Muse celesti governate da Apollo. Tutto il Tempio disegna un passaggio dalla terra alla dimensione celeste: dalle Sibille e dai Profeti alle Virtù filosofiche e teologiche, dagli Eroi biblici e mitologici ai Santi, dai Fanciulli giocosi agli angeli musici - tema sul quale mi soffermerò in maniera particolare, oggetto di un mio recente saggio su "Ariminum" - dalle Arti terrene alle Muse divine, fino ai Pianeti e ai Segni zodiacali, fino a un Sole che è insieme luce sensibile e intellettuale ma anche luce di grazia".

L’incontro di venerdì, a Palazzo Buonadrata alle 17:30, farà da antipasto all’appuntamento conclusivo del 14 dicembre quando Fabrizio Lollini, storico dell’arte e iconologo dell’Università di Bologna, affronterà il tea Nel cielo e sulla terra. L’Astronomicon di Basinio e altri esempi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Biblioterapia, torna l'appuntamento coi libri che "curano"

    • dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020
    • Biblioteca Gambalunga

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento