"1938, Ma che razza di stampa": in mostra manifesti, fotografie e documenti dell'epoca

Si aprirà domenica 8 dicembre 2019 alle ore 11 al Museo della Città, la mostra bibliografica e documentaria 1938 Ma che razza di…stampa! giornali, manifesti, immagini e documenti (1938-1944) alla presenza del curatore, l’antiquario e collezionista Giovanni Luisè che condurrà una visita guidata al percorso espositivo. Ricorrono 81 anni dalla promulgazione delle infauste leggi razziali emanante dal governo fascista tra il settembre e il dicembre del 1938, anno che venne attraversato dal dibattito sull’antisemitismo e che accese la miccia che avrebbe dato avvio a una campagna razzista senza precedenti. Le leggi razziali fasciste furono un insieme di provvedimenti legislativi e amministrativi (leggi, ordinanze, circolari) applicati in Italia fra il 1938 e il primo quinquennio degli anni quaranta assecondati, quando non sostenuti, da una pavida indifferenza collettiva, pur con importanti eccezioni. Tali leggi furono definitivamente abrogate con i regi decreti-legge n. 25 e 26 del 20 gennaio 1944.

La mostra porta in luce i documenti e la pubblicistica che veicolò l’avvio della persecuzione razziale in Italia. A partire dal Manifesto sulla purezza della razza italiana in difesa della stirpe italica e della rivista omonima La difesa della razza fondata e diretta da Telesio Interlandi che aveva reclutato firme di spicco del panorama intellettuale italiano. Al suo interno illustrazioni che -come scrive Luisè nella prefazione al catalogo della mostra – “furono e tutt’oggi sono un campionario emblematico dell’odio razziale”. La stampa nazionale non lesinò articoli, vignette, manifesti sul tema, cui si aggiungono - e sono esposti in mostra - a dimostrazione di come l’antisemitismo fosse assunto come dottrina di stato, le leggi e i decreti pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale  assieme a documenti manoscritti che testimoniano come il veleno razziale fosse penetrato anche nei gangli della chiesa cattolica. Molti intellettuali in quei mesi si unirono alla propaganda razzista e antisemita. Basti ricordare al “Corriere della sera” l’entusiastica recensione di Guido Piovene sul Contra Iudeos di Interlandi uscita il 1° novembre 1938.

Le leggi razziali furono rivolte prevalentemente contro le persone di religione ebraica. Quella che è stata definita “la fase della persecuzione dei diritti”, con la loro emanazione, era compiuta. Centinaia di insegnanti, professori e professionisti dovettero cedere il proprio posto agli “ariani”, migliaia di persone si ritrovarono all’improvviso straniere in patria. Negli anni Trenta vivevano in Italia tra quarantamila e cinquantamila ebrei. Cominciò un flusso migratorio che impoverì non poco le nostre accademie e i nostri istituti pubblici. Ci fu chi, come l’editore Angelo Formìggini, il 29 novembre 1938 si lanciò dalla torre della Ghirlandina di Modena, non riuscendo a sopportare l’oltraggio. Alla persecuzione dei diritti seguì velocemente dopo l’8 settembre 1943 la fase della “persecuzione delle vite”, che provocò migliaia di vittime.

Tra i rigurgiti attuali e quelli che non si sono mai sopiti, le forme dell’antisemitismo, come un fiume carsico assumendo forme nuove nel corso del tempo, riappaiono nei momenti di crisi sociale o di identità dell’Europa. Questa mostra testimonia con la sua documentazione e i suoi cimeli un periodo esecrabile della storia italiana  proponendosi come un monito.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Backup, le opere di Martinovic e Zavatta realizzate durante il lockdown

    • dal 3 ottobre al 8 novembre 2020
    • Zamagni Galleria

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento