Sabato la proiezione del film ''Danilo Dolci. Memoria e utopia''

Sabato ore 10, presso la Cineteca della Biblioteca Gambalunga del Comune di Rimini, vi sarà la proiezione del film di Alberto Castiglione “Danilo Dolci. Memoria e utopia” alla presenza del regista

Sabato ore 10, presso la Cineteca della Biblioteca Gambalunga del Comune di Rimini, vi sarà la proiezione del film di Alberto Castiglione “Danilo Dolci. Memoria e utopia” alla presenza del regista. Il documentario ripercorre, attraverso interviste e contributi filmati, la vita e l’opera di Danilo Dolci dal 1952 al 1972 in Sicilia, terra devastata dalla mafia e dalla miseria.

Danilo Dolci, sociologo, triestino di nascita, dal 1951 al 1997 svolse in Sicilia attività di inchiesta e di intervento sociale costruendo dal basso socialità e comunità. Ne furono esempi i reali progetti messi in campo da Dolci:  la “Radio Libera” popolare e di denuncia, l’ideazione del “Borgo di Dio” a Mirto per l’educazione maieutica reciproca rivolta ai bambini,  la “Diga di Jato” per l’acqua democratica, la “Marcia per un mondo nuovo”, Lo “Sciopero alla rovescia” e i “Centri popolari di ascolto e discussione aperta”.

Dolci sosteneva, infatti che  “Una cosa è tendere a sostituirsi al vecchio potere e altro è creare nuovo potere in ciascuno. Insano è frodare, ma anche lasciarsi frodare; parassitare, ma anche lasciarsi parassitare, divenendo complici. L’adeguarsi all’ordine del dominio implica sia la responsabilità del dominatore che quella di chi si lascia dominare”.

E’ il primo appuntamento aperto al pubblico  della rassegna “Memoria e Utopia” dedicata a Danilo Dolci,  promossa dall’Università aperta “Giulietta Masina e Federico Fellini” di Rimini, in collaborazione con il Comune e la Provincia di Rimini. Sin dallo scorso settembre le sue innumerevoli azioni sociali e il suo pensiero di formidabile attualità rivivono nelle scuole di Rimini.

Hanno abbracciato il percorso didattico gli studenti dell’I.P.S.S.C. “L.Einaudi” che stanno trattando il tema “il potere e l’acqua”, gli studenti del Liceo scientifico statale “A. Einstein” che stanno approfondendo il tema “dal trasmettere al comunicare”, gli studenti del Liceo classico “G.Cesare – M.Valgimigli” che stanno analizzando il tema “bisogna saper sperare … la democrazia partecipata in Danilo Dolci”.

Il 12 aprile gli studenti delle tre scuole superiori di secondo grado coinvolte presenteranno alla città i loro lavori alla presenza del giudice Giorgio Morosini e di Giuseppe Barone, biografo di Danilo Dolci. Momento conclusivo e corale sarà la presentazione  dello spettacolo teatrale “Cosmo vivo” la sera del 18 aprile. Coordinatrice della rassegna: Gianfreda Margherita, margo.gianfreda@gmail.com, tel. 333 6950849


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento