Santarcangelo Festival infuoca la notte con 50 artisti e 170 performance

  • Dove
    Sedi varie - Vedi programma
    Indirizzo non disponibile
    Santarcangelo di Romagna
  • Quando
    Dal 07/07/2017 al 16/07/2017
    inaugurazione alle 23:00
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Santarcangelo Festival apre venerdì 7 luglio, alle 23, con un’opera infuocata, appassionata e spettacolare: Terra Bruciata. Molotov Cocktail Opera, di Markus Öhrn, allo Sferisterio (ingresso gratuito) è un rituale poetico per voci soliste, coro e due lanciatori di “cocktail molotov” realizzata dall’artista svedese, già noto al pubblico per il progetto Azdora, insieme al compositore e direttore Arno Waschk, su libretto del poeta bielorusso Uladzimir Niakliaeu

L’esplosiva cerimonia d’apertura è il culmine di una prima giornata densa di appuntamenti, con l’inaugurazione di alcuni degli Habitats che caratterizzano questa edizione, spazi aperti e fruibili da frequentare liberamente. Il Museum of Nonhumanity, aperto al pubblico dal 23 giugno, si potrà visitare ogni giorno negli spazi del Supercinema, dal 7 al 16 luglio, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 23 (con due visite guidate alle 11 e alle 17): il progetto, curato dalle artiste finlandesi Terike Haapoja e Laura Gustafsson, indaga la costruzione nei secoli del confine immaginario tra umano e non umano, e le conseguenze, spesso funeste, di questa distinzione; è composto da un’esposizione, un calendario d’incontri e un Vegan Cafè.

Alle 15, all’interno della Scuola Elementare Pascucci, apre l’Openlove Point di Macao, collettivo milanese che per tutta la durata del Festival condurrà un laboratorio libero sul rapporto tra produzione artistica e sostenibilità dal titolo Robot+Syndicate, un punto di riferimento dove incontrarsi, confrontarsi, chiacchierare, prospettare nuovi possibili scenari di organizzazione. Il collettivo Azdore è impegnato quest’anno nella gestione di un bed and breakfast per artisti nelle stanze della Scuola Elementare Pascucci, Eva Geatti propone una mostra d’illustrazioni dal titolo Il crepuscolo è dei poeti e degli appartamenti, visitabile gratuitamente ogni giorno dalle 17 alle 21 in Piazza Ganganelli 10, meglio se al tramonto, mentre il collettivo finlandese WAUHAUS invita a prendere fiato e a rilassarsi nella tenda di decompressione Play House collocata nel giardino del Musas e liberamente accessibile dalle 17.30 alle 20, da venerdì 7 a domenica 9. Infine, tra fresche fronde, luci soffuse e orchidee profumate si schiude e resterà aperto ogni giorno (escluso lunedì), dalle 19 alle 23 allo Spazio Saigi, il giardino sensoriale degli australiani Pony Express, per la prima volta in Europa: Club Ecosex è un’immersione totale nella natura, un’esperienza erotica verde in simbiosi con fiori, piante e terra, una scoperta, un momento di abbandono, un luogo rilassante dove intrattenersi giocando con l’ambiente per tutto il tempo che si desidera.

Questo primo fine-settimana il Festival offre l’occasione d’incontrare alcuni dei più interessanti artisti e coreografi della scena contemporanea italiana: alle 19.30 al Lavatoio Chiara Bersani e Marco D’Agostin presentano l’anteprima del loro primo lavoro firmato a quattro mani, The Olympic Games, un’allegoria dei giochi olimpici che, ripercorrendo la liturgia delle cerimonie di apertura e richiamando le competizioni sportive, lascia intravedere contraddizioni e finzioni dell’età contemporanea. Alle 21 al Lavatoio, nella serata in cui l’intera Riviera celebra la Notte Rosa, va in scena, incluso nel cartellone del capodanno estivo, un travolgente spettacolo della coreografa Silvia Gribaudi, interpretato da Claudia Marsicano: R.OSA – 10 esercizi per nuovi virtuosismi, esplora con irriverenza le potenzialità espressive del corpo, giocando con il significato e il senso dei ruoli; l’attrice sul palco esprime bellezza e virtuosismo, coinvolgendo il pubblico con il suo carisma esplosivo e caricandolo di energia.

Al via anche la programmazione gratuita di musica e cinema, che affiancherà il calendario di performance per l’intera durata del Festival. Piazza Ganganelli è la “sala a cielo aperto” che ospita una selezione del programma di Cinema Ritrovato, con un film diverso ogni sera, in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Domani – venerdì 7 luglio,  alle 21.30 - Lumiere! La scoperta del cinema, di Thierry Fremeaux. In Piazza delle Monache, che sarà invece la principale cornice dei concerti, alle 22 si esibirà l’istrionica cantautrice americana Baby Dee, poetica, ironica, struggente e graffiante, capace di arrivare al cuore con la sua dolcezza unita a una forte presenza scenica e all’abilità d’intrattenere il pubblico. Baby Dee è a Santarcangelo in una delle sue rare date italiane.  Dalla mezzanotte la festa si trasferisce a Imbosco, il Circo nel Parco Baden-Powell, un tendone bianco e rosso nascosto in una radura segreta che ospita ogni sera un DJ Set diverso; aprono le danze le trascinanti Playgirls from Caracas, in consolle da mezzanotte all’alba.

Biglietteria in piazza Ganagnelli, tel. 0541 623149
Tickets: da 2€ a 12€; Abbonamento a 4 spettacoli: 40€
Info: tel. 0541.626185
tutto il programma su www.santarcangelofestival.com

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Biblioterapia, torna l'appuntamento coi libri che "curano"

    • dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020
    • Biblioteca Gambalunga
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento