Fiera di San Martino, svelate le date e la grafica delle "corna"

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
    Santarcangelo di Romagna
  • Quando
    Dal 09/11/2017 al 12/11/2017
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Evento per bambini

L’antica Fiera di San Martino si rinnova. È lancia sul web il nuovo manifesto dell’edizione 2017 in calendario dal 10 al 12 novembre, con un’anteprima in programma nel pomeriggio di giovedì 9. La nuova veste grafica del materiale promozionale comprende anche un video sulle proposte e sulle iniziative più consolidate della ‘fira di bec’, realizzato da Blu Nautilus con la collaborazione del video maker Andrea Pari (il video è disponibile su https://youtu.be/pudR_RiLbVk).

Anche la fiera secolare di San Martino ha dunque deciso di aprirsi agli strumenti di comunicazione digitale, senza però dimenticarsi dei canali di informazione più tradizionali: è stato svelato il manifesto della prossima edizione che riprende la grafica ideata dall’artista catalano Anton Roca degli anni ’90 su cui campeggia l’immagine delle corna. Il manifesto vuol dunque essere un omaggio alla tradizione, richiamando il tempo in cui il giorno di San Martino sanciva per i contadini romagnoli la scadenza dei rapporti di lavoro e gli eventuali rinnovi di contratti fra proprietari terrieri e mezzadri. Avveniva così la compravendita del bestiame, di attrezzi agricoli e di scorte alimentari, che rappresentava un momento privilegiato di incontri: da qui l’allusione al significato trasgressivo, e al tempo stesso ironico, cui rimandano le corna, simbolo appunto della ‘festa dei cornuti’. Il nuovo manifesto della fiera vuol anche essere un omaggio al libro “Sotto il segno delle corna” scritto dal ricercatore Eraldo Baldini che sarà pubblicato e presentato in biblioteca nell’ambito del programma 2017.

fiera san martino-2

TUTTO IL PROGRAMMA
Giovedì 9, alle ore 21, il libro dello scrittore e antropologo Eraldo Baldini dal titolo “Sotto il segno delle corna: San Martino e la Festa dei Becchi” verrà presentato in biblioteca, quale momento inaugurale dell’edizione 2017. L’opera, edita da Il Ponte Vecchio di Cesena, sarà illustrata dall’autore che parlerà dell’origine del malizioso rito delle corna appese sotto l’arco di piazza Ganganelli, che rappresentano il segno distintivo della ‘fira di bech’. Tra le novità di quest’anno, la Pro Loco sarà presente sotto l’arco Ganganelli con uno stand dove si potranno acquistare oggetti a tema, tra cui libri, magliette, cartoline, locandine.

E' già diventanto intanto virale lo slogan “Fatti un selfie con le corna”: è infatti questo il motto che accompagna gli spot pubblicitari sulla fiera, invitando le persone a scattarsi una fotografia sotto l’arco in segno di portafortuna.

Da non perdere anche le proposte gastronomiche che si potranno trovare lungo le strade e nelle numerose osterie e che verranno pubblicate anche sul sito www.blunautilus.it. Come sempre, la vera regina della festa è la piadina con salsiccia e cipolla che si potrà trovare un po’ ovunque. In piazza Ganganelli si potranno gustare i funghi e i tartufi di Villa Labor; i piatti ricercati di Per Tè Catering; i passatelli del Lavatoio Bistrot; i tortelli alla lastra del Fumaiolo; il fungo fritto del rifugio Biancaneve; i panini sfiziosi del Retrogusto; il ragu di somaro del Farneto; il pesce al cartoccio e la polenta di C’è Quel che C’è. All’arena del Campo della Fiera, il ristorante Amarina e il Barrumba si uniscono in Amarrumba, con piatti di pesce e animazioni. Lungo via De Bosis, dopo le caldarroste della Caritas, buone e solidali, i visitatori potranno gustare le carni e la ribollita del Toscano e cibi di strada dall’Italia e dal mondo. In piazzetta del Lavatoio ci sarà la polenta di una volta e le specialità de
La Bosca, mentre in via Giordano Bruno il Sottobosco di Badia Tedalda presenterà piatti di montagna con cinghiale, l’Alta Marea la cucina romagnola di mare, e Pès fritti di qualità. Torna anche il cibo su ruote dei “Food Truck di Beck” che quest’anno si spostano in piazza Gramsci, riprendendo un’antica tradizione italiana del cibo itinerante particolarmente amata dai più giovani. I truck, cresciuti anche di numero, sono stati scelti non solo per la qualità gastronomica ma anche per l’estetica dei mezzi, spesso vintage. Dal tardo pomeriggio di giovedì 9 si potranno gustare diverse specialità, accompagnati dall’animazione dell’associazione Fermento.

San Martino non sarebbe San Martino senza i Cantastorie: la Sagra Nazionale dei Cantastorie è infatti una di quelle tradizioni che dura nel tempo e attira sempre un pubblico vario e curioso. Questa è la 49 a edizione, la 32 a per Santarcangelo. Quest’anno i cantastorie, con le loro esibizioni semplici e immediate, porteranno brani dedicati all’impegno sociale e alle corna. Tra gli artisti di quest’anno, Gianni Molinari e Federico Berti, Sandra Boninelli, Felice Pantone, Otello Pedrazzoli e Paolo Sgallini. Appuntamento sabato 11 in piazza Ganganelli alle 10 e alle 14,30. Insieme ai Cantastorie sarà presente la Tipografia Faentina, editrice del famoso Lunêri de Smémbar, il tradizionale calendario dei contadini romagnoli che viene pubblicato dal lontano 1844.

La Fiera di San Martino celebra il dialetto: venerdì 10 novembre alle 21 una ventina di lettori si avvicenderanno a leggere i testi del poeta santarcangiolese Nino Pedretti. Le letture saranno intervallate dalla fisarmonica di Tiziano Paganelli. Di dialetto, anzi di lingua romagnola, è fatto anche il recital presentato dall’attore Denis Campitelli “La Rumâgna l’è fata”. L’appuntamento in piazza Ganganelli sabato 11 novembre alle 21. Lo spettacolo presenta poesie di Baldini, Guerra, Pedretti, Galli e racconta in modo comico e surreale la nascita del carattere romagnolo, attraverso diversi personaggi. Torna anche L’Agricola, esposizione di macchine agricole e attrezzature per l’agricoltura e l’edilizia. Sabato 11, dalle ore 14, c’è la Sfida dei Taglialegna organizzata dalla ditta Squadrani di Verucchio; domenica 12 alle 14,30, sono i maestri dell’associazione Country Soul a esibirsi in un’animazione in perfetto stile green. Per tre giorni infine, ritornano sotto al portico del Francolini i mini trattori radiocomandati di Riccardo Domeniconi, un prodigio di artigianato e tecnologia.

Non poteva inoltre mancare “Il Palio della Piada” organizzato dalla Pro Loco, che giunge quest’anno alla 20 a edizione. Domenica 12 novembre alle ore 14 in piazza Ganganelli giovani e meno giovani disputeranno una simpatica competizione di piadinari rigorosamente non professionisti alle prese con farina e mattarello. Per informazioni e prenotazioni (aperte fino all’11/11) Pro Loco (tel. 0541/624.270).
Per l’edizione 2017 la Scuola dei Sapori si rivolge ai cultori del gusto per conoscere prodotti locali e di altri territori. La scuola, organizzata dalla bottega Girometti Formaggi, è quest’anno dedicata all’olio delle nostre terre con una serata intitolata “…Anche l’olio canta” (mercoledì 8 novembre, ore 21, ristorante L’Arcangelo).
Per i più piccoli c'è la Fiera dei Bambini martedì 7 con il luna park. Venerdì 10 alle 16,30 in piazza Ganganelli, bambini e famiglie potranno inoltre assistere a un tradizionale spettacolo di burattini della Compagnia Valerio Strinati.

Dettagli sui bus navetta: il primo Bus Navetta collega la zona artigianale (via della Quercia) con il centro città (via Pedrignone). Il servizio funziona sabato 11/11 dalle ore 14 alle 20 e domenica 12/11, dalle 9 alle 20 (la frequenza è di 6/8 minuti. Il tragitto è breve: dura dai 6 agli 8 minuti). La seconda linea parte davanti al Cimitero per arrivare poco prima della rotonda della Coop. Il servizio funziona solo domenica 12/11, dalle 9.00 alle 19 (la frequenza è di 7/9 minuti. Anche questo tragitto è molto breve: dura circa 4 minuti). Trasporti pubblici - Per la fiera, il Capolinea della linea 9 viene spostato: da venerdì 10 a domenica 12
novembre: alla stazione. La fermata più vicina al centro è in via Emilia/Braschi, vicino all’incrocio con Via Mazzini; lunedì 13 novembre, fino alle ore 15: in Via Pascoli, a lato della ex biblioteca. Anche le fermate delle altre linee, che di norma passano in centro, per la fiera sono spostate: da venerdì 10 a domenica 12 novembre alla stazione. La fermata più vicina al centro è in Via Emilia/Braschi, vicino all’incrocio con Via Mazzini; lunedì 13 novembre, fino alle ore 15, in via Pascoli, a lato della ex biblioteca.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento