Talk e aperitivo in musica per un viaggio in Siria

Si intitola simbolicamente “Santarcangelo per la Siria” il pomeriggio di approfondimento che si svolgerà domenica 7 aprile dalle ore 16,30 al Museo Storico Archeologico, per conoscere meglio la situazione attuale e la cultura del Paese mediorientale insieme a quattro prestigiosi ospiti: il portavoce della proposta di Pace in Siria promossa dai profughi siriani in Libano, Sheik Abdo, la scrittrice italo-siriana Asmae Dachan, i giornalisti Brahim Maarad e Gigi Riva. A otto anni di distanza dall’inizio della guerra civile, è ancora molto difficile intravedere prospettive per il futuro della Siria. Per mantenere alta l’attenzione sulla drammatica situazione del Paese, l’Amministrazione comunale ha voluto organizzare una giornata di approfondimento legata da un lato alla stretta attualità e, dall’altro, più in generale alla cultura siriana. Durante il talk iniziale, infatti, nella sala conferenze del Musas i quattro ospiti si confronteranno sulle recenti vicende del conflitto cominciato il 15 marzo 2011 e non ancora concluso. Al termine dell’incontro, invece, sarà possibile volgere lo sguardo alla Siria prima della guerra grazie alla mostra fotografica “Così lontano, così vicino…” di Claudio Torroni, con foto scattate nell’area del sito archeologico di Ebla (nei pressi dell’attuale Tell Mardikh) tra il 1999 e il 2002. La visione della mostra – visitabile fino a domenica 5 maggio negli orari di apertura del museo – sarà accompagnata dalle musiche siriane scelte da Luca Pasteris e da un aperitivo a tema preparato da Laratatuia. Sheikh Abdo – Insegnante elementare originario di Al-Qusayr (area di Homs, nel sud della Siria), durante le proteste contro il regime di Bashar Al-Assad (marzo 2011) crea una clinica per il trattamento dei feriti nelle manifestazioni civili, impossibilitati a ricevere cure dal sistema sanitario istituzionale. Ricercato dalle forze governative siriane, nell’agosto 2011 lascia il Paese insieme alla moglie e si reca ad Akkar (nord del Libano), dove nel 2012 apre una piccola clinica informale gratuita per curare i siriani malati e feriti, chiusa dopo alcuni mesi dalle autorità libanesi. Nel 2013 fonda l’associazione di mutuo aiuto Al-Ihsan, laica e apartitica, composta da attivisti siriani e libanesi di diverse comunità, unite dall’obiettivo di aiutare i siriani sfollati. Parte così anche il progetto del Malaak Center, un centro scolastico che accoglie oggi 460 studenti tra i 3 e i 17 anni insieme a 14 insegnanti, che è anche un centro di riabilitazione psicologica per bambini.

Dal 2015 Sheik Abdo è portavoce della “Proposta di pace per la Siria” promossa dai profughi siriani in Libano, un appello redatto con l’associazione Operazione Colomba (Comunità Papa Giovanni XXIII) all’interno delle tendopoli dell’Akkar. Le richieste sono la creazione di una zona umanitaria in Siria (un’area demilitarizzata neutrale rispetto al conflitto, sottoposta a protezione internazionale, nella quale i profughi possano tornare), la fine dei bombardamenti e della fornitura di armi, un governo di unità nazionale che rappresenti tutti i siriani, una rappresentanza della società civile siriana alle trattative di pace di Ginevra, un cambio di rotta nella lotta all’estremismo e una pronta assistenza alle vittime. Dal 2017 a oggi Sheik Abdo ha raccolto sostegno internazionale alla sua proposta, incontrando l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan De Mistura (maggio 2018) e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (dicembre 2018). Ospite della parrocchia di San Michele Arcangelo da fine novembre 2018 grazie a un corridoio umanitario dell’Operazione Colomba, nei giorni scorsi ha ricevuto il Premio diritti umani dell’associazione Operation Daywork dal presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, per il suo impegno in favore dei bambini siriani rifugiati in Libano e la sua proposta di pace per la Siria.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • La nuova rassegna filosofica riparte con otto parole inattuali per un mondo più desiderabile

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Alessandro Giovanardi apre il ciclo di dialoghi sull'arte, sulla moda e sulla bellezza

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo

I più visti

  • A bordo del treno a vapore per fare tappa alla sagra delle castagne di Marradi

    • 25 ottobre 2020
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Il Tartufo bianco è protagonista a Sant'Agata Feltria ogni domenica di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 25 ottobre 2020
  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento