Federico Fellini, gli attori romagnoli omaggiano le lingue del Maestro

Il 20 Gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini. In occasione di questa ricorrenza, Città Teatro omaggia il Maestro attraverso un viaggio nell’universo del regista riminese e le “lingue” che popolano i suoi film. Venerdì 20 Gennaio alle ore 21.00 la Piccola Stagione del Teatro Villa vede in scena Città Teatro, la compagnia “di casa “al Villa” con Le lingue di Federico.

Il Teatro Villa verrà "avvolto" dalle voci e dai suoni dei suoi personaggi proiettando gli spettatori sarà in una suggestione sonora e visiva. In scena Francesca Airaudo, Mirco Gennari, Giorgia Penzo insieme a Francesco Tonti. Introduce la serata Davide Pioggia, esperto di lingue e dialetti. 

“L’idea - spiega Loris Pellegrini - è nata da una conferenza su Fellini e Rimini da me tenuta a Barcellona qualche anno fa. Mentre ero lì che tentavo di spiegare alcuni passaggi, alcune battute in dialetto romagnolo di 8 e 1/2, mi sono accorto che non solo non capivano niente gli spagnoli, e va bene, ma nemmeno gli italiani presenti! Del resto, chi – tranne i romagnoli, e non tutti, ha mai veramente capito cosa urla la suorina allo zio Teo per farlo scendere dall’albero, in Amarcord, o cosa sussurrano le donne che pedalano all’inizio di Roma? Così mi sono incuriosito, ho investigato ed ho scoperto che Fellini usa spesso il dialetto, e non solo quello romagnolo, in molti dei suoi film, e quasi sempre con intenti più emotivi che razionali, più intesi a evocare che spiegare. Il veneziano in Casanova, ad esempio, il “romanesco” in Roma, e perfino linguaggi sconosciuti o dimenticati, come nel Satyricon. E come qualche anno fa, quando si usavano le “interviste impossibili” a personaggi scomparsi che non potevano concedere un’intervista “vera”, ho pensato di farne una “fin- ta” al Maestro, chiedendogli spiegazioni su queste lingue “altre” e chiamando in causa anche alcuni dei suoi personaggi. Conoscendo il suo gusto per la beffa e l’inganno, sono certo che l’idea gli sarebbe piaciuta. “Sono un gran bugiardo”, diceva...”

Dopo lo spettacolo: Chiacchiere al Villa nello spazio degustazione offerto da Birra Amarcord.
Biglietti: ingresso e consumazione: intero euro 12 - Ridotto euro 8. Riduzione Speciale possessori Card La Valle dei Teatri - Rete Teatrale Valconca: 10 euro. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Esodo" di Simone Cristicchi apre la nuova stagione teatrale del cinema teatro Astra

    • 28 ottobre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento