Parole, immagini e musica per rievocare il Tempo di Chet

Sabato 17 novembre, alle ore 21 apre il cartellone del Teatro Nuovo di San marino Tempo di Chet – la versione di Chet Baker, che vedrà in scena il trombettista Paolo Fresu.
Tempo di Chet, che è prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano ed ha debuttato una decina di giorni fa, nasce dalla fusione e dalla sovrapposizione tra scrittura drammaturgica e partitura musicale, creando un unico flusso organico di parole, immagini e musica per rievocare lo stile lirico e intimista di questo jazzista tanto maledetto quanto leggendario. Un momento di teatro da non perdere: raro per appeal, finezza, potenza evocativa. Paolo Fresu alla tromba, Dino Rubino al piano, Marco Bardoscia al contrabbasso sono le voci evocative di un cast composto, per la dimensione attoriale, da Alessandro Averone, Rufin Doh, Simone Luglio, Debora Mancini, Daniele Marmi, Mauro Parrinello, Graziano Piazza e Laura Pozone.
Uno straziante assolo di tromba sfuma nell’immagine di un uomo crollato sul bancone di un bar. È Chet: fra sogno e ricordo, lo visiteranno le ombre del suo passato, quasi sempre recriminando. I genitori, i figli, gli amici ed i rivali nella musica, le donne, i critici, i fan, i pusher, evocheranno episodi della sua vita, dalla prima tromba, messagli in mano dal padre da bambino, ai momenti di genio, e a quelli “maledetti” degli eccessi, fino al volo fatale, dai contorni rimasti sempre poco chiari, dalla finestra di un hotel di Amsterdam.

«Se la sua vita e la sua morte sono ancora oggi avvolte dal mistero, la sua musica era straordinariamente limpida, logica e trasparente» commenta ammirato Paolo Fresu. «Forse una delle più razionali e architettonicamente perfette della storia del jazz. Analizzando tutti i suoi assolo è raro trovarvi una nota fuori posto. L’impressione è di essere davanti a una struttura ideata con estrema chiarezza, dove ogni suono si incastra in un ricco mosaico assemblato in forme perfette e con tasselli dai colori sgargianti che bene si amalgamano tra loro. Ci si chiede dunque come mai la complessità dell’uomo e il suo apparente disordine (conflittuale?) abbiano potuto esprimersi in musica attraverso un rigore formale così logico e preciso. Lungi da noi il volere dare risposte». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Filippo Malatesta presenta online il suo album "Biutifullove"

    • solo domani
    • 2 dicembre 2020
    • online

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Biblioterapia, torna l'appuntamento coi libri che "curano"

    • dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020
    • Biblioteca Gambalunga
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento