Giobbe Covatta e la sua "Divina commediola"

La nuova stagione del Teatro Pazzini di Verucchio, la prima diretta dalla Compagnia Fratelli di Taglia, inaugura mercoledì 18 gennaio con Giobbe Covatta e “La Divina Commediola”. Il popolare comico napoletano, da tempo paladino dei diritti umani a fianco anche di Amref, Save the Children e Amnesty International, sceglie nuovamente di affrontare con il sorriso sulle labbra un tema scottante e attuale. Questa volta quello dei diritti dell’infanzia. E lo fa partendo da una versione “apocrifa” della Divina Commedia, rinvenuta in una discarica della “terra dei fuochi”, scritta da un certo Ciro Alighieri, misconosciuto cugino campano del grande Dante.

Benigni legge Dante? Giobbe legge Ciro… Il fortunato ritrovamento, opportunamente restaurato, riguarda solo una parte dell’Inferno e presenta alcune affinità ma anche profonde divergenze dall’opera dantesca. Oltre all’uso del napoletano al posto del volgare toscano, la “Commediola” offre un singolare punto di vista sul viaggio nell’Aldilà. Ciro Alighieri descrive infatti l’Inferno come luogo di eterna detenzione, non per i peccatori ma per le loro vittime! E non poteva trovare diversa soluzione, in quanto le vittime sono i bambini, ovvero i più deboli, coloro che non hanno ancora cognizione dei loro diritti e non hanno possibilità di difendersi. Così mentre resta impunito chi colpisce con le sue nefande azioni i piccoli innocenti del Terzo Mondo, e non solo, il Virgilio immaginato dall’antico poeta lo accompagna per bolge popolate da bambini depauperati per sempre di qualcosa che nessuno potrà mai restituirgli.

Giobbe Covatta presenta la sua personale versione della Divina Commedia interamente dedicata ai diritti dei minori. Contenuti e commenti sono spassosi ma, come sempre accade negli spettacoli del mattatore partenopeo, i temi sono seri e spesso drammatici. Spettacolo che nasce dalla consapevolezza che conoscere i diritti dei bambini riconosciuti dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e conoscere i modi più comuni con cui questi diritti vengono calpestati equivale a contribuire alla diffusione di una cultura di rispetto, pace ed eguaglianza verso i giovani e giovanissimi di tutto il Mondo. Un divertente monito agli adulti per il futuro delle nuove generazioni.
 
Lo spettacolo sarà anticipato, alle ore 19 presso O’osciad Pub in via San Francesco 1, da un aperitivo inaugurale della Stagione Teatrale offerto al pubblico dagli esercenti del centro storico di Verucchio.

Ingresso: Intero € 15, Ridotto € 12 (under 25, over 65, youngERcard)
Info e prenotazioni: 320 5769769 (prenotazioni telefoniche).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento