Moni Ovadia sale sul palco con il "Signornò", racconti e canzoni contro la guerra

Domenica 22 aprile, alle ore 21,15, al Teatro Eugenio Pazzini di Verucchio si aspetta la Festa della Liberazione assieme a Moni Ovadia, protagonista di “Signornò. Racconti e canzoni contro la guerra”. Recital che vedrà l’autore e attore di origine ebraica, tra i grandi nomi del teatro e dell’impegno politico-culturale in Italia, affiancato in scena dal virtuoso fisarmonicista Gianpietro Marazza con la partecipazione del Coro Polifonico Malatesta da Verucchio. Uno spettacolo Corvino Produzioni.

Signornò è una serata sulla storia del pacifismo e dell’antimilitarismo culturale, quello che in questi secoli ha regalato centinaia di testi e canzoni, molte delle quali radicate nella memoria collettiva occidentale. Temi oggi decisamente attuali, che Ovadia conosce molto bene essendo cresciuto nella Milano della controcultura e del rock. Il suo esordio è infatti avvenuto alla fine degli anni ’60 con il Gruppo dell’Almanacco Popolare di Sandra Mantovani, esperienza a cui è seguita quella del Gruppo Folk Internazionale poi diventato Ensemble Havadià, gruppo che ha contribuito alla colonna sonora del cosiddetto Movimento assieme ai leggendari Stormy Six. Le due formazioni diedero vita, insieme, anche alla cooperativa L’Orchestra, uno dei primi tentativi di musica indipendente in Italia. Nei decenni l’attività di Ovadia si è progressivamente orientata verso il teatro e la recitazione, con digressioni in tv e al cinema, senza mai dimenticare l’impegno attivo. Ma la musica non lo ha mai abbandonato ed è sempre stata parte integrante dei suoi lavori e al centro di tante collaborazioni. Tra queste, in linea con il tema del recital, l’indimenticabile duetto con Modena City Ramblers nella nuova versione di “Oltre il ponte” di Italo Calvino realizzata per l’album “Appunti partigiani” che nel 2005 ha celebrato il 60° anniversario della Liberazione. Filo rosso che parte da lontano e arriva a Signornò: parole e suoni, voce e fisarmonica, per parlare di pace, del coraggio che ci vuole a rifiutare le armi, a disertare, senza pensare alle conseguenze.

Grazie alla promozione Biglietto+ i tagliandi d’ingresso al Pazzini offrono agli appassionati menu a prezzo speciale e agevolazioni nei locali del centro storico O’osciad Pub, Tiee Cibo & Vino e Piad@styl€.

Ingresso: Intero € 18, Ridotto € 16 (under 25, over 65, soci Arci, youngERcard
Info e prenotazioni: 320 5769769 (prenotazioni telefoniche) / 0541 670168 (nei giorni di spettacolo)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento