Gestione rifiuti, il Comune di Coriano pronto a centrare tutti gli obiettivi

Più raccolta differenziata, più qualità della raccolta, più decoro, via i cassonetti dalle strade fine delle chiavette

L’obiettivo stabilito nel 2014 era raggiungere l’80% di Raccolta differenziata per il 2020; nel 2016 la Regione Emilia Romagna pubblica la Legge 16 sull’economia Circolare che introduce obiettivi di raccolta differenziata e riduzione dei rifiuti e incentiva la raccolta porta a porta e la tariffazione puntuale. Il Comune di Coriano come comune classificato di pianura ha l’obiettivo del 79% della raccolta differenziata. Insieme alla raccolta differenziata, l’Amministrazione ha dislocato sul territorio distributori dell’acqua e, prima in provincia, di detersivi al fine di incentivare il riuso delle bottiglie in plastica e la macchina “Mangiaplastica” che incentiva e valorizza, attraverso l’erogazione di buoni sconto, il recupero della plastica. Fino ad oggi, anno 2018, dove era previsto il completamento della raccolta Porta a porta nell’intero territorio comunale. E così è stato, in sede di Consiglio locale di Atersir in accordo con il gestore attuale della raccolta rifiuti, il Comune di Coriano ha approvato un progetto di raccolta porta a porta delle frazioni di rifiuto indifferenziato, organico carta e plastica in tutti i centri abitati del Comune. Tutto il territorio di Coriano sarà interessato, da giugno 2018, dalla raccolta domiciliare Porta a Porta. Con un programma settimanale dei ritiri, gli operatori della raccolta preleveranno davanti al cancello di casa i rifiuti. Più raccolta differenziata, più qualità della raccolta, più decoro, via i cassonetti dalle strade fine delle chiavette.

"Nel 2014 - spiega una nota dell'Amministrazione - avevamo pianificato in un arco temporale di 4 anni l’adozione della raccolta Porta a Porta e l’introduzione della Tariffazione Puntuale. Nei primi due anni la raccolta porta del rifiuto indifferenziato nel forese per poi ampliare alla raccolta dell’organico, potenziando nel contempo il numero dei bidoni di rifiuto differenziato di carta e plastica e sistemi di compostaggio domestico. Siamo passati dal 61% di raccolta differenziata al 67,5%, un balzo incredibile che dimostra l’impegno dei cittadini di Coriano alla sostenibilità ambientale. Contestualmente al Porta a Porta in tutto il Comune di Coriano, dopo una prima fase di taratura e analisi del sistema, nel 2019 verrà introdotta la tariffazione puntuale calcolata solo sul rifiuto indifferenziato prodotto nel principio di chi inquina paga. Sarà quindi fondamentale per tutti i cittadini di Coriano separare il più possibile i rifiuti differenziabili come carta, plastica e organico per ridurre la quota di differenziato. In questo modo i cittadini più virtuosi, coloro che ridurranno i conferimenti di indifferenziato, avranno una bolletta più economica. I controlli sulla qualità dei rifiuti differenziati e su eventuali mancati conferimenti garantiranno l’attenzione ad eventuali furbetti. Il Progetto in questi anni 4 anni ha comportato un aumento dei costi di raccolta comunque sempre ammortizzati dai risparmi dovuti dai minori costi di smaltimento dell’indifferenziato, che per effetto dell’aumento della raccolta differenziata viene ridotto. Per cui il costo totale della Tari è sempre rimasto invariato".

"Quest’anno la dimensione del Progetto comporta un aumento totale sulla Tari del 6,5% - prosegue il comunicato stampa - Un investimento per un futuro migliore, un investimento necessario, da parte di tutti, per superare l’incenerimento dei rifiuti e recuperare materia (più è la quota differenziata meno rifiuti da smaltire in discarica e all’inceneritore). Per potere raggiungere oltre a quello della sostenibilità ambientale, anche l’obiettivo di riduzione delle tariffe due sono le azioni secondo noi necessarie e che abbiamo sollecitato. La prima è quella di approvare un nuovo affidamento del Servizio di Gestione dei Rifiuti, scaduto ormai dal 2012 ed ad oggi gestito in regime di proroga, che garantisca ai Comuni la responsabilità sui Processi di Progettazione del Servizio e quindi anche dei prezzi e il controllo della qualità del Servizio. La seconda un intervento sui costi dello smaltimento dei rifiuti indifferenziati e i costi del recupero dei rifiuti differenziati, al fine di aumentare il delta fra questi costi. Per effetto della riduzione dei costi finanziari degli impianti smaltire i rifiuti indifferenziati costa ai Comuni quasi quanto recuperare rifiuto organico; seguendo questo trend non converrà assolutamente aumentare la raccolta differenziata perchè non sarà possibile coprire i casti della raccolta. Ovviamente nei prossimi mesi saranno pianificati incontri pubblici nelle frazioni e distribuzione di manuali operativi per spiegare come avverrà la raccolta differenziata".

“In questi anni - conclude il sindaco Spinelli - l’assessore Michele Morri, ha compiuto un gran lavoro con serietà e realismo, costruendo un passo allo volta, il cammino che avevamo tracciato per la raccolta dei rifiuti. E’ il nostro stile è lo stile di Progetto Comune, fatti su obiettivi concreti, non fumosi proclami senza la certezza della realizzazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento