I rifiuti marini rappresentano una grave minaccia all'ambiente

Rimini risulta il sito italiano meglio posizionato per minore densità di rifiuti marini sulle spiagge rilevati ogni 100 metri

Quello dei rifiuti marini rappresenta una grave minaccia all'ambiente e all'ecosistema dei mari; la plastica, in particolare, è diventata il grande nemico dei nostri mari. Un elemento presente da non più di cinquanta anni eppure diventato in pochi anni il primo rifiuto presente nel mare mediterraneo. Sacchetti di plastica, bottiglie, tappi, contenitori per alimenti, nell'Adriatico si trova di tutto. A dirlo, numeri alla mano, è l'ultimo rapporto “Marine Litter assessment in the Adriatic & Ionian seas” sulla valutazione dei rifiuti marini, frutto di una complessa campagna di monitoraggio annuale effettuata da 9 diversi enti di ricerca nei 7 paesi che condividono il bacino Adriatico e Ionico. Ne emerge una realtà che, seppur con numeri migliori per Rimini rispetto alla media, pone comunque in allarme tutto il sistema costiero adriatico. Tra le variabili che incidono negativamente per l'adriatico settentrionale vi sono la vicinanza di grandi centri abitati, la conformazione geofisica chiusa e stretta e le particolari correnti del mare adriatico in questi tratti.

"Rimini però ne esce bene rispetto agli altri territori oggetto di indagine - commenta l'assessore all'Ambiente, Anna Montini - tra le 31 zone oggetto di rilevazione nei sette paesi costieri considerati, ad esempio, Rimini risulta il sito italiano meglio posizionato per minore densità di rifiuti marini sulle spiagge rilevati ogni 100 metri. Se la media complessiva è quella di 0,67 oggetti riscontrati per metro quadro, a Rimini si scende allo 0,11 (il riferimento più vicino, Cesenatico, si assesta allo 0,26). Meglio di lei solo due spiagge greche situate però in contesto naturali, non antropizzati e non urbanizzati, come il nostro. Tali risultati fanno classificare Rimini al confine tra le spiagge pulite e quelle molto pulite (la vicina Cesenatico si assesta invece nella fascia “moderate clean”) secondo il Clean Coast Index (CCI), il parametro preso a riferimento per questo tipo di indagini. Per quanto riguarda il fondale, al largo di Rimini si sono calcolati una media di 127 rifiuti per kilometro quadro, contro i più di mille di Venezia e una media complessiva adriatica di 510 rifiuti per kilometro quadrato. Tra i rifiuti principali pezzi di plastica (28%), sacchetti di plastica (12%) e contenitori per alimenti (11%). Rimini non è stata invece inserita tra i siti di analisi per i rifiuti sulla superficie dell'acqua. Su tali rifiuti è stato però pubblicato un recente report di Legambiente, datato novembre 2016, effettuato tramite un monitoraggio della Goletta verde sui rifiuti galleggianti presenti nei mari italiani. La densità media complessiva dei rifiuti è risultata di 57,6 rifiuti ogni kilometro quadrato di mare, con una densità specifica ben più alta sul Tirreno (61,8), seguita dai 50,41 dello Ionio fino al 45,92 dell'adriatico. Anche in questo ambito la nostra costa dimostra migliori dati rispetto agli altri territori presi in esame".

"Anche se Rimini ne esce bene - conclude l'assessore - il dato che emerge è l'inquietante massa di rifiuti presenti nel nostro adriatico, una minaccia reale per tutto L'ecosistema marino. Il rischio è che politiche virtuose portate avanti da singole realtà locali vengano sminuite da una mancanza di coordinazione a livello nazionale e internazionale. Il dato più collegato alle dinamiche locali è senza dubbio quello delle spiagge, dove Rimini dimostra buoni risultati frutto di un mix di variabili tra cui gli interventi infrastrutturali pubblici, la quotidiana opera di salvaguardia fatta dai bagnini, il sistema di raccolta differenziata, la sensibilità ambientale accresciuta da chi vive la spiaggia. Lo stato di avanzamento del Piano di salvaguardia della balneazione e le prospettive di sviluppo integrato con il Parco del Mare sono tra gli interventi principali messi in campo dal Comune di Rimini per il sistema marino e costiero. Più di 150 milioni di euro investiti per consentire, entro il 2020 e procedendo per step, l’eliminazione di acque miste dagli undici scarichi a mare attualmente presenti. Una delle principali opere idrauliche degli ultimi anni in Italia, i cui risultati cominciano già ad essere visibili, grazie alla chiusura dei primi due scarichi a mare avvenuti all’inizio della scorsa estate. Oltre a questi interventi più infrastrutturali, a Rimini abbiamo scelto di anticipare i provvedimenti regionali in materia, mettendo a disposizione dei pescatori che raccolgono rifiuti in mare contenitori di raccolta appositi a conferimento gratuito. L'auspicio è che questi interventi non rimangano isolati ad una comunità virtuosa, ma siano promossi e sostenuti a livello nazionale. Senza un coordinamento tra le diverse città e i diversi Paesi dell'Adriatico nessuna località, neppure la più virtuosa, potrà dirsi infatti al sicuro dai rischi di un inquinamento pervasivo e minaccioso come quello marino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento