Riccione, decoro urbano: 'task force' in campo contro l'abbandono dei rifiuti

La campagna di accertamenti coinvolge gli uffici comunali, la Polizia municipale, le Guardi ecologiche volontarie, utilizzando le segnalazioni provenienti dalle associazioni di volontariato e da semplici cittadini, e i sistemi di videocontrollo presenti sul territorio

Il Comune di Riccione sta intensificando i controlli sul corretto conferimento dei rifiuti sia su suolo pubblico che privato e in corrispondenza delle batterie dei cassonetti stradali. La campagna di accertamenti coinvolge gli uffici comunali, la Polizia municipale, le Guardi ecologiche volontarie, utilizzando le segnalazioni provenienti dalle associazioni di volontariato e da semplici cittadini, e i sistemi di videocontrollo presenti sul territorio.

Uno dei primi controlli svolti mercoledì ad opera del Settore Infrastrutture e servizi tecnici, ha avuto come esito la denuncia ai Carabinieri a carico di ignoti per abbandono di rifiuti in zona Riccione Terme, traversa di viale Torino, nell’area adiacente all’Orto Botanico delle Sabbie, area di forte interesse naturalistico. Qui, a ridosso della recinzione in legno dell’Orto botanico, sono stati abbandonati cumuli di terra mista a sabbia e macerie.

I rifiuti verranno prontamente rimossi, ripristinando l’integrità del luogo, mentre le indagini dell’Autorità giudiziaria si faranno carico di individuare i responsabili dell’abbandono. Hera spa ritira gratuitamente su semplice richiesta telefonica (al numero verde 800999500) sia i materiali ingombranti che quelli di natura vegetale, quali sfalci e potature.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento