Sblocca Italia e rifiuti fuori regione, Gnassi incontra Galletti: "Palesemente iniquo"

“E’ palesemente iniquo – evidenziano sindaco e assessore – che una Regione come l’Emilia Romagna debba farsi carico anche dei rifiuti di territori d’Italia"

in occasione dell’inaugurazione di Ecomondo, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e l’assessore all’Ambiente Sara Visintin hanno incontrato il ministro all’Ambiente Gian Luca Galletti, ribadendo all’esponente del Governo la netta contrarietà dell’Amministrazione Comunale riminese all’articolo 35 del decreto ‘Sblocca Italia’. Il colloquio di mercoledì mattina rientra nell’ambito di una questione più articolata, che ha già visto nei giorni scorsi il Comune di Rimini,  insieme ai comuni capoluoghi di Regione (oltre a Coriano, Sasso Marconi, Misano, Castelfranco Emilia, Fidenza, Soliera e le tre provincie di Bologna, Rimini, Ravenna) inviare una lettera ufficiale al ministro e al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, nella quale si chiede di rivedere l’articolo 35 dello ‘Sblocca Italia’.

Articolo che in sintesi prevede di liberalizzare l’importazione dei rifiuti urbani provenienti da altre Regioni. Il sindaco Gnassi e l’assessore Visintin hanno voluto illustrare personalmente al Ministro Galletti i motivi per cui la proposta del Governo di programmare flussi di rifiuti sovra-regionali risulta improponibile, sia sotto il profilo economico sia sotto il profilo ambientale, in contrasto con le direttive comunitarie in materia e soprattutto contrario ad un principio di “equità territoriale”. “E’ palesemente iniquo – evidenziano sindaco e assessore – che una Regione come l’Emilia Romagna, dotatasi nel corso degli ultimi anni di molti impianti di incenerimento ma soprattutto di trattamento dei rifiuti in linea con il potenziamento della raccolta differenziata, attraverso importanti investimenti sostenuti dagli enti locali e dai cittadini, debba farsi carico anche dei rifiuti di territori d’Italia che, per mille motivi di fatto sterili, non hanno avuto la lungimiranza per attivarsi e operare per tempo su un argomento tanto strategico. Il risultato paradossale è che questi ritardi e inefficienze strumentali rischiano di ricadere sui territori virtuosi, con la scelta di saturare il carico termico degli impianti esistenti".

"Non è accettabile - affermano Gnassi e Visintin - che quei territori che hanno messo in piedi un sistema efficiente di raccolta differenziata e di conseguente gestione del rifiuto debbano farsi carico anche della produzione degli altri territori, se non in via temporanea delimitata o in situazioni di particolare emergenza e comunque avendo chiaro un piano nazionale di investimento nella raccolta differenziata e nell’impiantistica conseguente. Non si può scegliere la strada della libera circolazione dei rifiuti solo perché meno gravoso economicamente rispetto a indirizzarli negli impianti in Olanda. Il percorso da intraprendere, in maniera seria e con una pianificazione complessiva a livello nazionale, è il potenziamento del riciclo e dunque la riduzione dei rifiuti avviati a smaltimento, anche attraverso incentivi economici e fiscali per i territori più ‘virtuosi’ e con la realizzazione di una rete integrata di impianti di recupero e selezione dei rifiuti”.

“Da parte del Ministro – conclude l’assessore Visintin, che ha anche fatto parte della delegazione composta da alcuni dei comuni firmatari tra cui Forlì, Coriano, Misano, Parma, Ferrara e Riccione - si è registrata una prima apertura, con l’impegno a valutare alcune delle richieste degli amministratori e chiedendo di trattarle tramite Anci all’interno di un tavolo costruito ad hoc”.

Fabbri con Galletti-2ALAN FABBRI - "Fino a che il governo non ritirerà la porcata della norma 'importa rifiuti' contenuta nello Sblocca Italia, la protesta continuerà a oltranza. L'immondizia, a Renzi, la recapitiamo direttamente al suo indirizzo di palazzo Chigi", ha dichiarato il candidato alla presidenza della Regione per Lega Nord, Forza Italia e Fd'I Alan Fabbri dopo l'incontro avuto col ministro all'Ambiente Galletti, a margine della fiera Economondo di Rimini. Era presente anche l'assessore regionale lombarda Claudia Terzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sulla salute dei nostri cittadini non c'è margine di trattativa - dice Fabbri -. Bonaccini si fa andare bene il fatto che Renzi gli mandi in Emilia Romagna i rifiuti di mezza Italia, a noi non va bene e i rifiuti glieli mandiamo indietro". Fabbri annuncia: "Abbiamo già in calendario presidi davanti agli inceneritori con il nostro segretario Matteo Salvini. Inutili gli sforzi fino ad oggi compiuti dai nostri comuni per lo sviluppo della differenziata e del porta a porta se un governo centralista e dittatoriale ci inonda di rifiuti altrui, costringendoci a bruciarli nei nostri inceneritori. L’articolo 35 è un affronto per gli enti locali e un rischio per la nostra salute”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento