Assegno di cura per anziani: le informazioni del Comune di Rimini

L'assegno di cura si rivolge ai cittadini non autosufficienti che abbiano almeno 65 anni. Si tratta di un sostegno economico a favore delle famiglie che assistono in casa propria un anziano non autosufficiente. L'obiettivo è garantire la permanenza presso il proprio domicilio quale scelta elettiva assistenziale.

Assegno di cura, cosa offre

Il servizio offre un contributo mensile, graduato in relazione alla situazione di gravità socio sanitaria dell'anziano (isogravità), valutata dalla competente Unità di Valutazione Multidimensionale (U.V.M.) multidimensionale, svolta attraverso l'assistente sociale del Comune o del Quartiere di residenza, che si riunisce appositamente per la valutazione del bisogno, variabile da un minimo di 50€ ad un massimo di 200€ al mese.

A chi è rivolto

L'assegno di cura è un sostegno economico a favore delle famiglie che assistono in casa propria un anziano non autosufficiente e rappresenta una delle opportunità previste dalla L.R. 5/94; è concesso in alternativa all'inserimento stabile in strutture residenziali.

Possono usufruire dell'assegno:

  • famiglie che mantengono l'anziano, certificato non autosufficiente, nel proprio ambiente e gli garantiscono direttamente o avvalendosi dell'intervento di persone non appartenenti al nucleo familiare, prestazioni socio-assistenziali di rilievo sanitario.
  • Famiglie che accolgono nel proprio ambito l'anziano solo.
  • Altre persone che si occupano dell'anziano, intrattenendo consolidati e verificabili rapporti di "cura", anche se non legati da vincoli familiari
  • L'anziano stesso quando sia in grado di determinare e gestire le decisioni che riguardano la propria assistenza e la propria vita.
  • L''amministratore di sostegno.


L'assegno di cura può essere concesso anche ad anziani conviventi (possono essere riconosciuti contratti di assegno di cura anche a più anziani conviventi, ad esempio entrambi i genitori).
Se il piano di assistenza viene assicurato anche mediante il ricorso ad assistenti familiari, il familiare che si assume la responsabilità dell'accordo/contratto si impegna anche:

  • a sottoscrivere con l'assistente familiare regolare contratto di lavoro;
  • a favorire la partecipazione dell'assistente familiare alle iniziative di aggiornamento e formazione organizzate dal sistema locale dei servizi socio-sanitari e della formazione professionale.

Requisiti per ottenere l’assegno di cura

Le soglie Isee per la concessione dell’assegno di cura e del relativo contributo aggiuntivo di 160 euro sono stabilite dall'1.1.2017  nei seguenti valori:
 - 25.000 euro/anno per l’assegno di cura
- 20.000 euro/anno per il contributo aggiuntivo di 160 euro per la regolarizzazione del lavoro di cura svolto da assistenti familiari.

Per la determinazione delle soglie viene presa a riferimento l’attestazione Isee riferita esclusivamente al nucleo familiare (e non più al solo anziano beneficiario delle cure). È possibile tuttavia utilizzare il modello di Isee per le prestazioni sociali agevolate in ambito sociale e sociosanitario. 

Entità del contributo economico

L'importo del contributo previsto è in relazione alla gravità della condizione di non autosufficienza dell'anziano, alle sue necessità assistenziali e alle attività socio-assistenziali di rilievo sanitario garantite ed è fissato a seconda della tipologia di attività assistenziale necessaria. Gli importi sono rivalutati annualmente.

Se l'anziano non autosufficiente è titolare di indennità di accompagnamento o indennità analoga, erogata dall'Inps, dall'Inail o da altri, il contributo economico alla famiglia è ridotto dalla data di concessione dello stesso.

Dal 1/4/2007 non possono più essere concessi assegni di cura a persone che percepiscono l'indennità di accompagnamento.

A chi rivolgersi

Per informazioni e consulenza si possono consultare gli Sportelli sociali:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Sportelle sociale di Rimini, via Ducale, 7. Si riceve su appuntamento. Tel. 0541 704000  E.mail: segretariatosociale@comune.rimini.it
  • U.O. Sportello Sociale e Inclusione attiva Riccione, San Lorenzo. Tel. 0541 428908. Orario: lunedì-mercoledì-venerdì (ad accesso libero): 10.00-13.00. Email sst@comune.riccione.rn.it
  • U.O. Sportello sociale e inclusione attiva Cattolica/San Giovanni. Tel. 0541/966623. Email: sst@comune.riccione.rn.it Orario: lunedì- mercoledì - venerdì (ad accesso libero) 10:00 - 13:00

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento