Meteo

Il caldo ha le ore contate, attesi temporali e rischio grandine. "Con il mare mosso via la mucillagine in Adriatico"

L'esperto meteo Roberto Nanni: "Giovedì tornerà l'alta pressione ma senza eccessi, in regione vengono attese minime attorno a 18 gradi, massime tra 22 e 26 gradi"

Luglio inizia con sole e caldo ma con un imminente peggioramento sulle regioni settentrionali, dove nel corso del pomeriggio di lunedì, 1 luglio, aumenterà notevolmente la nuvolosità portando, entro sera, il rischio di forti temporali e rovesci. Un flusso di correnti atlantiche attraversando parte dell’Europa e il Nord Italia si abbasserà di latitudine a inizio del nuovo mese, determinando una fase più instabile e fresca tra l’1 e il 3 luglio. Le stesse, intensificandosi, daranno origine a due perturbazioni: la numero 1 attesa tra lunedì 1 luglio e martedì e la n.2 tra martedì sera e mercoledì.

"Il cedimento dell’alta pressione, unitamente al transito di una massa d’aria relativamente fresca per il periodo, sarà accompagnato da fenomeni localmente intensi sopratutto sulle pianure in prossimità del Po e lungo il versante adriatico con manifestazioni che potranno divenire grandinigene - spiega l'esperto meteo Roberto Nanni, rete Ampro Meteo Professionisti -. Non si escludono situazioni critiche dovute a forti colpi di vento durante i temporali, seguito da un generale calo delle temperature anche per il rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali (Maestrale a tratti sostenuto lungo le aree costiere). Non mancheranno, ovviamente, ampi spazi soleggiati nell’intermezzo delle due perturbazioni (nel pomeriggio e sera di martedì 2). Mare da poco mosso a localmente mosso che porterà un beneficio alla situazione mucillagine in Adriatico".

Mercoledì 3 luglio la circolazione sull’Italia vedrà ancora la presenza di una saccatura di bassa pressione in cui si muoverà un nuovo fronte (perturbazione n. 2 del mese). Le temperature, ormai decisamente calate rispetto alle attuali, potranno portarsi leggermente sotto le medie stagionali: in regione vengono attese minime attorno a 18 gradi, massime tra 22 e 26 gradi. Sarà una giornata segnata dall’instabilità con rovesci più frequenti e diffusi sui settori emiliani centro occidentali tra la notte ed il mattino, a carattere sparso ed in graduale attenuazione sul resto del territorio nella seconda parte del giorno.

Tra giovedì 4 e venerdì 5 nuova rimonta da ovest dell’alta pressione verso l’Italia, garanzia di tempo prevalentemente stabile e soleggiato, con temperature di nuovo in rialzo, su livelli estivi ma senza eccessi. Nel corso del fine settimana al Nord potrebbe tornare l’instabilità per l’avvicinamento di un’altra perturbazione, ma è ancora presto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caldo ha le ore contate, attesi temporali e rischio grandine. "Con il mare mosso via la mucillagine in Adriatico"
RiminiToday è in caricamento