Abusivismo, Paolo Ricci (Lega): "E' una vera e propria piaga"

"Mancano poco più di un paio di giorni ad agosto ma la musica non cambia – A Rimini e dintorni le grandi firme contraffatte on the beach la fanno da padrone anche quest’estate"

"Mancano poco più di un paio di giorni ad agosto ma la musica non cambia – A Rimini e dintorni le grandi firme contraffatte on the beach la fanno da padrone anche quest’estate" - queste le prime parole del consigliere provinciale leghista, Paolo Ricci, sul fenomeno corrosivo dell'abusivismo commerciale e "l'atteggiamento di noncuranza e la politica alla francese del “laissez faire”" degli amministratori locali.

"Un formicaio di abusivi che puntuale si riversa sulle spiagge riminesi bypassando quella filiera burocratico - fiscale che soffoca i commercianti del centro  – se per la parrucchiera o il ristoratore di Cattolica la Tares è la mannaia estiva che li costringe a fare i conti della serva e a tirare ulteriormente la cinghia, per l’abusivo che spaccia merce contraffatta sul litorale riminese il neo-tributo Montiano sull’igiene ambientale non vale – nessuna sorpresa tariffaria nella sua buchetta.."

"Con l’aggravante che la rete di abusivi accampati sulle nostre spiagge corrode il tessuto economico-produttivo locale e alimenta la microcriminalità organizzata e l’immigrazione clandestina selvaggia. Perché quella a cui si assiste ogni giorno a riva dei nostri stabilimenti balneari è la punta dell’iceberg….ciò che non si vede o non si vuole vedere è il corpo galleggiante sottostante, che nutre e controlla lo smistamento di merce abusiva sull'intera costa. Una struttura piramidale che a partire dalla distribuzione “all’ingrosso” fissa luoghi e appuntamenti quotidiani, una ragnatela di capoccia e affiliati che disegna la mappatura dell’abusivismo commerciale sulle nostre spiagge, scandendo tempi, ruoli e “posteggi” ."

"Insomma" - sottolinea senza mezze misure il consigliere Ricci -"non si tratta solo dell’abusivo che in prima persona espone la sua mercanzia a mo’ di bazar (borse, portafogli, grandi firme del made in italy e quant’altro..)  –  non c’è nulla di raffazzonato o casuale nello spettacolo illegale messo in scena sul litorale riminese. La regia che dirige l’abusivismo commerciale  “su sabbia” è il vero germe da neutralizzare  - un fenomeno che DEVE essere contrastato operativamente sul campo e dietro le quinte – in spiaggia e a monte…."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Coronavirus, nuovo decreto fino al 5 marzo: divieto di ricevere più di due persone in casa

Torna su
RiminiToday è in caricamento