Politica

Aeroporti, Nadia Rossi chiede investimenti per il Fellini di Rimini

Il consigliere regionale del Pd: “Puntiamo a un sistema aeroportuale coordinato per migliorare l’offerta e le opportunità di tutto il territorio”

 La discussione dell’assestamento di bilancio e del documento di programmazione economico-finanziaria che in questi giorni impegna l’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna è diventata l’occasione per ragionare sul sistema aeroportuale regionale. “È chiara la volontà della nostra Regione di costituire un sistema aeroportuale coordinato sia a livello regionale che nazionale che, pur nel rispetto delle singole autonomie, amplifichi l’offerta e le opportunità per il territorio e porti a un miglioramento delle performance dei singoli aeroporti. – richiama il consigliere regionale Pd Nadia Rossi. – In Emilia-Romagna prevediamo lo sviluppo del Marconi di Bologna, la conferma del Fellini di Rimini come scalo d’interesse locale dedicato al traffico turistico e al business diretto sulle coste adriatiche, la definizione del Verdi di Parma come aeroporto con ruolo complementare all’interno del sistema, che favorisca l’accessibilità all’area emiliana e a importanti poli economici, in particolare rispetto al settore cargo e business, infine la riattivazione del Ridolfi di Forlì principalmente come polo per la formazione aeronautica e per attività di supporto e manutenzione aeromobili oltre a quello di scalo cargo. Ci sono le condizioni affinché i quattro poli regionali possano integrarsi, giocando tutti un ruolo specifico in un disegno ampio e composito scongiurando una dannosa quanto inutile 'guerra dei cieli. Con una interrogazione chiedo alla Giunta se siano previsti fondi da destinare all’aeroporto di Rimini per la sua implementazione in chiave di scalo emiliano-romagnolo per il traffico turistico della costa e come snodo di attrattività, connettività e accessibilità alla Riviera. Fondi che servirebbero per sostenere il cambio di status del Fellini, da militare e civile ad unicamente civile, e contribuire alla gestione dell’aumento del traffico aereo e dei passeggeri ed al rinnovo complessivo dell’infrastruttura. Un arricchimento per la Romagna e per tutta la Regione”.

"Nessuna guerra dei cieli, nessuna differenza nel sostenere concretamente il rilancio dei quattro scali regionali, ma piuttosto un disegno coordinato, con progetti e investimenti concreti, per l’intero sistema aeroportuale dell’Emilia-Romagna. In particolare, per quanto riguarda lo scalo di Rimini è previsto lo stanziamento immediato di 3 milioni di euro per il rinnovo e lo sviluppo dell’infrastruttura nel biennio 2021-2022. A queste risorse si aggiunge poi un ulteriore stanziamento di 9 milioni di euro del Fondo per lo sviluppo e la coesione”. Così l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Andrea Corsini, dopo un’interrogazione alla Giunta circa i finanziamenti della Regione per l’aeroporto ‘Fellini’ di Rimini. “In questo momento così importante per la ripartenza del turismo- continua- è fondamentale che i nostri scali possano lasciarsi alle spalle le tante difficoltà di questo lungo periodo, per tornare a svolgere una funzione determinante per la ripresa economica del post pandemia. L’interesse della Regione è quindi quello di investire e creare le condizioni affinchè sia così, sostenendo piani industriali di investimento e facendo in modo che i nostri scali diventino sempre più attrattivi per il turismo e gli altri settori economico-imprenditoriali”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti, Nadia Rossi chiede investimenti per il Fellini di Rimini

RiminiToday è in caricamento