Forza Italia: "L'Anfiteatro va restituito ai riminesi, è un asset turistico"

Il vice capolista Carlo Rufo Spina: "Non intendiamo sfrattare nessuno, vogliamo tutelare il Ceis. Si tratta solo di pianificare lo spostamento"

La questione Ceis e Anfiteatro che accende gli animi a destra e sinistra non è crto archiviata. Sulla vicenda interviene anche Carlo Rufo Spina, coordinatore comunale e vice capolista di Forza Italia Rimini. Spina propone "una valutazione seria e non ideologica  sulla questione anfiteatro. Sono contento di aver fatto partire la provocazione: il problema non è Anfiteatro contro Ceis. Chi lo ha mai detto? Forse piace al sindaco metterla così per non affrontare il problema. Il Ceis fa parte della storia recente di Rimini, svolge un ottimo servizio educativo e va tutelato. Ma anche l'Anfiteatro deve essere un asset fondamentale per rilanciare un turismo di tipo diverso (culturale, artistico, teatrale)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il vic capolista sottolinea come per "decenni le amminsitrazioni di sinistra hanno ignorato l'anfiteatro. Oggi dobbiamo iniziare a pensare come tutelare insieme Ceis e Anfiteatro per migliorare Rimini. Penso che la Città sia ormai matura per affrontare il tema. La politica deve essere la ricerca delle soluzioni utili a noi cittadini non una sterile lotta fra opposti pareri per mero partito preso. Noi semplicemente proponiamo di allocare il Ceis nell'immensa area antistante l'anfiteatro: avrà così più spazio, più giardino, sarà più facilmente raggiungibile dai genitori degli alunni e si riqualificherà una zona di Rimini altrimenti lasciata a se stessa. Nel contempo restituiremo l'Anfiteatro ai Riminesi, completando gli scavi iniziati dal Tonini e valorizzandolo come asset turistico e culturale per la Città. Chiaramente non è una cosa di un giorno. Non intendiamo sfrattare nessuno. Si tratta solo di pianificare lo spostamento, iniziando un processo fisiologico che probabilmente durerà anni ma che si fosse cominciato illo tempore a quest'ora sarebbe già concluso. Queste sono proposte serie, altroché il fumo di sinistra e Indiana Jones".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento