Approvato il bilancio di previsione 2016-2018: "Una mole di investimenti"

"Lasciamo un bilancio sano e una mole di investimenti in grado di completare il percorso di cambiamento della città e dare ottime basi per il futuro”, afferma Brasini

E’ stato approvato con 17 voti favorevoli e 9 contrari il bilancio di previsione armonizzato 2016-2018. “Si tratta dell’ultimo bilancio di questo mandato – sottolinea l’assessore Gian Luca Brasini – ed è quindi anche una bussola per capire su quale direzione ci siamo mossi in questi cinque anni e quali sono le traiettorie che abbiamo indicato per i prossimi anni. Lasciamo un bilancio sano e una mole di investimenti in grado di completare il percorso di cambiamento della città e dare ottime basi per il futuro”.

“Non è solo uno strumento contabile – aggiunge il sindaco Andrea Gnassi – questo bilancio, che chiude un ciclo, rende plasticamente l’idea di città che ci ha mossi fino a questo momento. Una città ricostruita da fondamenta solide quali il sistema fognario, lo stop al cemento, i motori culturali, il consolidamento dell’impegno su tutta la sfera del sociale e oggi anche la mobilità, altro pilastro della nostra idea di Rimini. Nel bilancio non c’è non solo il completamento del ‘Fila dritto’, per lo snellimento del traffico dalla Fiera a Miramare, ma soprattutto opere importanti come le rotatorie sulla statale 16 e la nuova infrastruttura a Santa Giustina. E’ inoltre il bilancio con il quale diamo un messaggio alle imprese: non solo sostegno attraverso agevolazioni e contributi, ma nuove opportunità grazie agli investimenti, a partire dal progetto del Parco del Mare, la sfida che ci attende per il prossimo futuro”.

“Nel corso di questi anni – prosegue Brasini – abbiamo cercato di sostenere il mondo del lavoro con gli strumenti a nostra disposizione. Da una parte agevolando le imprese sul fronte dei tributi, attraverso iniziative come la no tax area per le nuove imprese, la non applicazione della Tasi sugli altri immobili (principalmente attività commerciali), le agevolazioni Imu (Rimini è al 18esimo  posto su 102 comuni capoluogo per la miglior aliquota su capannoni e negozi), la cancellata l’imposta di scopo per fabbricati diversi dalla prima casa e la possibilità di rateizzare il pagamento delle imposte a tassi agevolati. Sul fronte degli investimenti inoltre, ricordo che il Comune paga in media le imprese entro i 30 giorni. C’è poi tutto il campo di aiuti ai lavoratori colpiti dalla crisi o disoccupati: dall’inserimento lavorativo per le categorie svantaggiate, passando per i contributi per garantire il diritto allo studio dei figli dei lavoratori in difficoltà”.

L’azione amministrativa si è contraddistinta per il mantenimento di alcuni capisaldi: invarianza della pressione fiscale, nonostante il pesante taglio dei trasferimenti statali; il contenimento della spesa senza arretrare sul welfare; infine, un forte ritorno agli investimenti in opere strategiche, con 141 milioni di opere pubbliche finanziate dal 2011 al 2015. Capisaldi che si ritrovano anche nel bilancio previsionale 2016-2018, a partire appunto dalla scelta di non usare la leva tributaria e dunque mantenere inalterata la pressione fiscale, con la conferma di tutte le aliquote fiscali sulla base delle delibere approvate nel corso del 2015 e con tutte le agevolazioni che consentono di garantire una manovra equa.

“Rimini è il capoluogo della Regione con la pressione fiscale procapite più leggera, è tra i capoluoghi in Italia con l’addizionale Irpef più bassa (quarto su 102), e come già detto è al 18esimo  posto su 102 comuni capoluogo per la miglior aliquota su capannoni e negozi”. Si prosegue poi sul contenimento della spesa corrente, che sarà ridotta di oltre 2,6 milioni, ma che non inciderà sull’impegno dell’Amministrazione sui settori chiave del welfare, della pubblica istruzione e della sicurezza. Un capitolo questo su cui l’Amministrazione comunale ha investito in 4 anni oltre 150 milioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua inoltre la riduzione del debito, tagliato di oltre 20 milioni in 5 anni (compreso il prestito flessibile di 18 milioni per l’intervento PSBO “Ausa”). Sul fronte degli investimenti, per il 2016 sono in programma opere per 41 milioni di euro. Attenzione particolare alla viabilità (rotatoria della zona Padulli, viabilità Santa Giustina, rifunzionalizzazione degli assi viari e la fluidificazione del traffico), oltre a interventi importanti come Piazza Malatesta (1,7 milioni), il primo stralcio del Parco del Mare (1.657.000), Anello Verde e pista ciclabile di via Coriano (1 milione ciascuno) e gli impianti sportivi (palazzo dello sport e palestra Villaggio I Maggio, 1.640.000).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento