Brandi (FdI-An): "fa male vedere liceali protestare contro l’operato delle Forze dell’Ordine"

Il portavoce provinciale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale favorevole ai controlli antidroga nelle scuole

“Se questi ragazzi fanno uso di sostanze stupefacenti è anche colpa nostra, questo è il simbolo del fallimento del sistema educativo italiano” commenta così Federico Brandi, portavoce provinciale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, i controlli antidroga effettuati dalle Forze dell’Ordine al Serpieri di Viserba. "Fa male - sottolinea Brandi - vedere giovani liceali protestare contro l’operato delle Forze dell’Ordine atto a contrastare il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti o psicotrope all’interno degli istituti pubblici. Parliamo di ragazzi con età compresa tra i 14 ed i 19 anni, non ancora in grado di mantenersi da soli facendo affidamento sulla paghetta dei genitori (probabilmente a loro insaputa), che hanno, a loro disposizione, la possibilità di vivere i migliori anni della loro vita, per crescere e maturare grazie agli insegnamenti e alle competenze dei docenti. Ma se questo non basta per invogliare i giovani e giovanissimi a documentarsi ed informarsi sulla propria vita, evidentemente esiste un problema di fondo nella nostra cultura e società. Com’è possibile che in un istituto pubblico, quale è la scuola, si possa opporsi ai Carabinieri, uno dei quattro corpi della Repubblica Italiana? Com’è possibile che si possa giustificare la detenzione, il possibile uso ed il relativo spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope all’interno di istituto pubblico?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se da un lato - conclude il portavoce riminese di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale - ci si nasconde dietro la scusa che i controlli antidroga incutono paura e panico tra gli studenti, dall’altro lato si può dire che ‘chi prova paura è colui che ha qualcosa da nascondere’. Uno dei problemi che emerge da questi episodi è la mancanza di rispetto e di gratitudine per le Forze dell’Ordine, persone che svolgono il proprio lavoro a tutela dei cittadini, dettato dalle lacune del sistema educativo italiano proveniente dalla riforma sessantottina. Mi appello a tutte le forze politiche presenti sul territorio che concorrono alle amministrative per Rimini: non si tratta di destra o di sinistra, di giusto o sbagliato, è necessario che si condanni l’utilizzo di sostanze psicotrope tra i giovani e giovanissimi e si faccia, dall’oggi e per tutto il mandato del futuro sindaco per cominciare, una campagna di informazione, non solo tra i ragazzi, ma anche tra i genitori degli studenti, i quali dovrebbero essere più vigili e ‘maturi’ dei propri figli. L’erba è roba da conigli, siate uomini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento