Approvato all’unanimità alla Camera l'accordo Italia-San Marino contro la criminalità

"Si tratta - aggiunge - di un risultato importante che ci permette di voltare pagina e di riconfermare e ravvivare gli antichi rapporti di amicizia e di buon vicinato, suggellati dalla visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel giugno scorso nell’antica terra della libertà"

E' stata approvata all'unanimità alla Camera la legge di ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Congresso di Stato della Repubblica di San Marino sulla cooperazione per la prevenzione e la repressione della criminalità. Relatore del provvedimento il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti, secondo il quale "ciò consentirà una rapida entrata in funzione di un’intesa, già ratificata dalla controparte sammarinese, che interviene in un settore delicato ed essenziale della collaborazione bilaterale italo-sammarinese, quale quello della cooperazione operativa tra gli organi di polizia dei due Paesi".
 
"Si tratta - aggiunge - di un risultato importante che ci permette di voltare pagina e di riconfermare e ravvivare gli antichi rapporti di amicizia e di buon vicinato, suggellati dalla visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel giugno scorso nell’antica terra della libertà.
Il contrasto alla criminalità organizzata viene rafforzato dal presente accordo che sancisce l’impegno dei due Paesi a rafforzare la collaborazione e la reciproca assistenza al fine di potenziare l’attività di contrasto alla criminalità organizzata internazionale, la lotta al terrorismo internazionale, al traffico di migranti, al riciclaggio di denaro e al traffico illecito di stupefacenti. L’Accordo – che è un modello di cooperazione già elaborato in ambito Interpol - individua i settori in cui i Paesi collaborano, in conformità delle rispettive legislazioni, al fine di prevenire e contrastare il crimine organizzato transnazionale, con particolare riferimento alla criminalità informatica, al traffico illecito di armi e al riciclaggio".

"Si prevede, in particolare, l’impegno alla reciproca assistenza e collaborazione per le operazioni speciali delle «consegne sorvegliate» e delle attività sotto copertura - chiosa il deputato riminese -. L’Accordo disciplina, le modalità della cooperazione e indica l’oggetto dello scambio di informazioni, che può riguardare, oltre ai reati previsti dall’Accordo, ogni altro elemento utile per l’attività di prevenzione generale e di controllo del territorio. Il testo pattizio rimanda a successive intese attuative l’eventuale pianificazione di servizi misti mirati e l’individuazione degli uffici di polizia autorizzati alla collaborazione. Assai opportunamente è prevista la creazione di un canale di comunicazione tra i punti di contatto nazionale (per l’Italia, si tratta del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Direzione Centrale della Polizia Criminale -- Servizio per la Cooperazione internazionale e di polizia) nonché lo scambio di assistenza nel campo della formazione del personale di polizia".

L’atto normativo regolamenta, inoltre, il trattamento dei dati personali e delle informazioni di carattere sensibile, stabilendo che siano utilizzate esclusivamente per il raggiungimento delle finalità sottese all’Accordo nel rispetto della normativa interna e internazionale e sono altresì, disciplinati la presentazione, l’esecuzione e il diniego di una richiesta di assistenza - continua Arlotti -. Come per altri accordi di analogo contenuto, l’atto bilaterale prevede la possibilità di convocare riunioni e condurre consultazioni per discutere e migliorare la cooperazione e stabilisce le modalità di risoluzione delle controversie (articolo 10) e della ripartizione delle spese connesse all’attuazione dell’Accordo. Sono disciplinati, infine, l’entrata in vigore, la durata e la modifica del testo pattizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il disegno di legge di autorizzazione, già approvato dall’altro ramo del Parlamento il 2 aprile scorso, oltre a contenere le consuete previsioni normative circa l’autorizzazione alla ratifica e l’ordine di esecuzione, provvede alla copertura degli oneri previsti dall’Accordo quantificati in euro 17.397 euro per l’anno 2014, 17.363 euro a decorre, ad anni alterni, dall’anno 2015", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento