Campo nomadi, la Lega attacca la giunta Gnassi: “La loro spavalderia non ha limite”

Il consigliere Zoccarato punta il dito contro l'assenza del primo cittadino all'incontro, il sindaco: "Non basta aizzare le folle, fare proclami"

Erano centinaia i riminesi riunitisi all’incontro promosso dall’Amministrazione comunale nel quartiere di Villaggio 1° maggio (peraltro non coinvolto nel progetto delle microaree), e intervenuti per esternare il proprio disappunto rispetto allo smantellamento del campo di via Islanda e alla redistribuzione dei nuclei rom e sinti in una decina di unità abitative indipendenti. “Ancora una volta il Sindaco Gnassi non si è fatto vedere. A fare da ariete sono stati i suoi assessori che invece di ripiegare su toni più concilianti, hanno aizzato la platea con arroganza e violenza verbale contribuendo ad esasperare i toni della serata. In termini di contenuti – spiega il consigliere comunale della Lega Matteo Zoccarato – questo dibattito non ha aggiunto nulla di nuovo alla discussione. A fronte delle giuste perplessità avanzate dai riminesi presenti in sala, il silenzio dell’Amministrazione è stato assordante con il risultato che al termine della serata i cittadini se sono andati più inferociti di prima. Questo è il prodotto di due anni di bugie e sotterfugi. Questi sono i risultati conseguiti da un’Amministrazione che sulla carta ha fatto finta di coinvolgere la città nel superamento dell’emergenza del campo di via islanda ma che poi, a conti fatti, ha tirato dritto annichilendo le opposizioni”.

Sul fronte opposto, il Comune in un comunicato stampa brinda al successo dell'operazione che prevede lo smantellamento del campo nomadi di via Islanda e l'allestimento delle micro aree. l’amministrazione comunale, nel fare il punto della situazione, spega che sono in corso le analisi tecniche per valutare l’accoglimento o la controdeduzione alle 22 osservazioni al programma presentate entro i 45 giorni di pubblicazione dalla delibera, previsti dal procedimento. E’ stato inviato il rapporto ambientale preliminare alla Regione per il parere di competenza. Una volta acquisito il parere e completata la fase istruttoria delle osservazioni, verrà predisposta la delibera da sottoporre al consiglio comunale, previo parere della competente commissione consiliare.

 “Il programma approvato dalla Giunta è già incardinato su un preciso binario giuridico e amministrativo - dichiara il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi. -Al di là di questo, devo osservare che nel dibattito, svoltosi anche tra le forze politiche, mentre tutti si dicono d’accordo per superare il campo di via Islanda, l’unica proposta concreta e praticabile è quella rappresentata nel programma approvato dalla giunta comunale. E questo non in virtù di un auto giudizio, ma seguendo alla lettera quanto disposto dalla Ue, dall’Italia, dalla Regione e financo dal patto di Governo dell’esecutivo oggi incarica, e cioè superare la logica dei campi nomadi per arrivare a una auspicata integrazione delle popolazioni ivi residenti. Tutti individuano nella logica del campo il vulnus intorno a cui si crea ghettizzazione e, in alcuni casi, anche illegalità da una parte. Dall’altra  di converso viene impedita l’integrazione e dove serve la repressione dell’illegalità e dei comportamenti devianti. Scardinare questa logica è la sola possibilità per avviare un vero percorso di integrazione e di legalità. Per questo, ad esempio, abbiamo accettato di passare dalle tre microaree ai nuclei mono familiari. Quest’ultimi rappresentano sicuramente un’opportunità per la popolazione Sinti di migliorare le loro condizioni di vita, oggi del tutto precarie in via Islanda. Dall’altra parte però deve essere chiaro che il programma rappresenta davvero un’ultima chance per gli stessi, per un percorso di integrazione che sì accompagneremo ma anche rigorosamente vigileremo sul suo pieno rispetto. A quello che consideriamo un diritto devono corrispondere dei doveri. A questo serve il contratto che stipuleremo con i capifamiglia delle singole microaree. Il legame tra diritti e doveri è inscindibile: se non si rispettano i doveri decadono i diritti. Ed è proprio per questo che rimarco con determinazione come questa debba essere considerata un’opportunità che, se non colta, non avrà altre puntate. Almeno da questa amministrazione comunale".

"Non mi sorprende più di tanto la ritrosia dei cittadini. L’unica immagine che hanno avuto davanti sinora, e da decenni, è solo quella della vergogna di via Islanda. E’ proprio questo che noi vogliamo superare. Infine mi permetto di dire questo: anche in considerazione del clima nazionale su questa e altre questioni, spesso ho colto un clima più teso alla ricerca di capri espiatori sui quali caricare ogni altro problema. Stiamo parlando di 32 persone su una popolazione residente di 150 mila. Sono convinto che se affrontiamo questo problema dandogli la giusta dimensione, approderemo a quella positiva soluzione di cui il primo beneficiario sarà la comunità di Rimini intera. Quando si governa un Paese una Regione, una Città, non basta aizzare le folle, fare proclami. Infuocare temi e problemi per cavalcare paure. Chi governa o amministra deve operare, agire su temi e problemi nell’ambito delle norme che ha a disposizione. Il resto sono chiacchiere.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento