rotate-mobile
Politica Cattolica

Cattolica, un anno dopo le elezioni. Franca: "Altro che correre, la nuova giunta rallenta su tutti i fronti"

Il punto dall'opposizione di Cattolica: "Molti dei temi che ne hanno caratterizzato la campagna elettorale sono ancora sulla carta e lontani dal vederne a breve la loro realizzazione"

È passato un anno dall’insediamento della nuova amministrazione al governo della città di Cattolica e l'opposizione coglie l'occasione per fare il punto della situazione. Questa la posizione di Riccardo Franca, capogruppo in consiglio comunale di Alleanza Civica. "Molti dei temi che ne hanno caratterizzato la campagna elettorale sono ancora sulla carta e lontani dal vederne a breve la loro realizzazione".

Scuola Repubblica

"In primis la scuola della Repubblica che, per l’urgenza e la salvaguardia dei nostri ragazzi viste le criticità dell’attuale struttura, doveva come del resto sempre affermato partire da subito. Purtroppo ad oggi - dice Franca -, seppure in presenza di un progetto diventato esecutivo, non sappiamo ancora quando effettivamente inizieranno i lavori e come si intende supplire dopo l’abbattimento della struttura al fabbisogno dei nostri studenti visto che l’anno scolastico è già iniziato. Si parla da diverso tempo di moduli prefabbricati da allestire ma al momento non è dato sapere ancora dove verranno ubicati e se tutte le sezioni ne usufruiranno".

"Noi di Alleanza Civica abbiamo condiviso nel nostro programma la scelta ferma di ricostruire la scuola nell’attuale sede per le motivazioni ormai note come, ad esempio, quella prioritaria del non consumo di nuovo territorio ma di una ubicazione che rimanesse centrale per la vita della città e di quel quartiere e, non per ultimo, per una riqualificazione che oltre alla scuola prevedesse un restyling dell’attuale Piazza della Repubblica ormai fatiscente con la creazione di una Piazza giardino più adeguata alle necessità della città e dei siti che su essa si affacciano: il Teatro e la Biblioteca ed al conseguente spostamento dell’attuale Arena dei concerti verso le Navi, al fine di potenziarne la funzionalità e l’attrazione turistica".

Nuovo lungomare

"Ad ottobre sono partiti i lavori del secondo stralcio e ci auguriamo tutti che gli stessi si possano concludere nei tempi prestabiliti e non con le conseguenze che abbiamo vissuto quest’ estate. Allo stesso tempo apprendiamo dai giornali che l’amministrazione ha deciso di confermare in toto tutte le fasi dell’attuale progetto in essere e quindi dal prossimo anno saranno eliminati i 300 stalli per i motorini che dovranno lasciare spazio alla pista ciclabile. Gli stessi saranno ubicati nelle vie adiacenti al lungomare sottraendo di fatto i parcheggi blu ad oggi previsti per le autovetture con conseguente aggravamento alla già precaria situazione dei parcheggi e del traffico che ne conseguirà. Il Pop-up che tanto ha fatto discutere la città rimarrà al suo posto come previsto ed il nuovo insediamento in sostituzione dell’attuale bar di Black ma di dimensioni molto più ampie (circa 80 mq), si mangerà anche l’attuale sede della guardia medica che da progetto iniziale si sposterà nella zona delle navi".

"Quindi tutto come era previsto ed anche qui a nulla sono servite le nostre interrogazioni e le nostre perplessità su un progetto che già sulla carta presentava incongruenze e contraddizioni rispetto alle reali necessità degli operatori e della città. In tutto questo, l’amministrazione attuale ha confermato tutto quanto era già stato deciso in precedenza e non ha mosso una virgola".

Piano della viabilità

"Alleanza Civica ha presentato da subito, a suo tempo, una mozione che prevedeva il ripristino del doppio senso in Via Del Prete per una migliore viabilità di Cattolica e nel contempo sottraendone l’attuale pista ciclabile e spostandola in via Carducci come normale proseguimento dell’attuale ciclabile del lungomare, e anche la realizzazione di nuovi parcheggi in via Matteotti e Via Corridoni come supporto alle attività del centro. Di conseguenza si prevedeva un’ampia zona pedonale che partendo dall’incrocio di Via del Prete con Via Fiume avrebbe consentito di liberare dal traffico tutta quell’area a tutela delle attività commerciali e della movida ormai caratterizzante dei quattro Bar. Purtroppo la nostra mozione fu respinta cn la motivazione che prima di prendere decisioni era necessario valutare un piano completo della viabilità e purtroppo, ad oggi, di quel piano dobbiamo ancora conoscerne il risultato e l’azienda olandese incaricata deve ancora presentare le sue conclusioni".

Darsena del Ventena

"Ad inizio dell’estate noi di Alleanza Civica avevamo sollevato il problema del mancato dragaggio della darsena poiché ritenevamo allora e riteniamo tuttora che la manutenzione di tale darsena sia indispensabile per non lasciarla al totale degrado vista la sua centralità turistica e di conseguenza la sua pulizia sia prioritaria ai fini della salvaguardia delle acque di balneazione nelle zone limitrofe. Quest’estate, per ben due volte, l’Amministrazione ha dovuto emettere il divieto di balneazione in quella zona. Inoltre, il mancato dragaggio della darsena non ha consentito per tutta l’estate l’attracco della motonave Queen Elisabeth e non ha reso possibile l’ormeggio di piccole imbarcazioni da diporto a cui il club nautico offre i suoi servizi con conseguente danno degli operatori ed all’immagine turistica nel complesso. Ci auguriamo quindi che il prossimo anno si provveda al suo dragaggio nei tempi previsti e che gli interventi necessari alla sua funzionalità non siano più estemporaneità dettate dal momento ma che la sua manutenzione diventi, di fatto, un’azione programmata e sistemica.

Porto del Tavollo

"A ottobre dovevano partire i lavori di manutenzione di tutta l’area portuale che ne includevano anche il dragaggio. Purtroppo, ci dicono, che il primo bando di finanziamento è andato in fumo e adesso rimaniamo in attesa di un ulteriore finanziamento ma non sappiamo se, e quando, ci sarà con conseguente ritardo dei lavori previsti".

Piano Spiaggia

"Non vogliamo dimenticare il nuovo piano spiaggia di cui sembra che ci siano stati i primi incontri con le categorie economiche ma noi consiglieri, ad oggi, non abbiamo avuto notizie, anche se riteniamo che attualmente parlare di nuovo piano spiaggia con una Bolkestein alle porte che ridisegnerà i nuovi rapporti tra l’amministrazione e gli operatori del settore sia un esercizio del tutto superfluo".

Nuovo palasport

"Riguardo al nuovo progetto del palazzetto dello sport, di fatto già finanziato dalla precedente Amministrazione ed in presenza già di un progetto esecutivo, non è dato ancora sapere se e quando inizieranno i lavori".

Stazione ferroviaria

"Il progetto prevede la riqualificazione della stazione e della piazza antistante nella sua complessità e l’apertura di un nuovo accesso alla stazione lato monte. Come lascito della precedente Amministrazione si prevede un investimento di circa 7 milioni di euro a totale carico delle ferrovie dello stato. Inizio lavori previsti nel 2023".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cattolica, un anno dopo le elezioni. Franca: "Altro che correre, la nuova giunta rallenta su tutti i fronti"

RiminiToday è in caricamento