Ciclabile alla Grotta Rossa, l'assessore Frisoni risponde al comitato

"Stiamo pianificando un nuovo modello di mobilità nel territorio nel suo complesso"

Arriva dall'assessore alla Mobilità del Comune di Rimini, Roberta Frisoni, la risposta al comitato "La Grottarossa che vorrei" che aveva chiesto agli amministratori riminesi la necessità di creare un percorso ciclopedonale per permettere ai residenti di raggiungere il centro città e i servizi con mezzi sostenibili e non solo in auto. Richieste che, per ben 17 anni e 4 legislature, sono rimaste inascoltate. “Con i residenti della Grotta Rossa - spiega la Frisoni - abbiamo da tempo avviato un confronto rispetto a vari temi, tra cui l’aspetto fondamentale dei collegamenti tra la zona e la parte a mare della città. Un confronto che fa parte di un più ampio lavoro che l’Amministrazione sta portando avanti e che non interessa porzioni di città, ma riguarda la pianificazione di un nuovo modello di mobilità nel territorio nel suo complesso. Scelte strategiche e di investimento, inserite anche nel Piano urbano della mobilità sostenibile, che hanno tra gli obiettivi quello di incrementare la rete di piste ciclabili e di andare a superare la frattura tra la zona a monte e a mare della Statale 16, da sempre una delle priorità nella programmazione territoriale di questa amministrazione. In questi mesi gli uffici tecnici stanno redigendo gli studi di fattibilità tecnico-economica per i progetti delle piste ciclabili previste dal PUMS - la cui concertazione pubblica sarà avviata questo autunno – e che comprende anche i collegamenti auspicati dai residenti della Grotta Rossa".

"La volontà e l’impegno dell’amministrazione - conclude l'assessore - però devono anche fare i conti con le competenze e le trafile burocratiche. Come è noto molti degli interventi di sistemazione dei percorsi ciclo-pedonali segnalati dai residenti della Grotta Rossa sono a carico di Autostrade per l'Italia, rientrando tra le opere di completamento sulla viabilità connessa all’ampliamento dell’A14. Nonostante questo, a fine luglio scorso il Consiglio Comunale ha approvato la realizzazione di un collegamento ciclopedonale da Via Pomposa a Via dello Scoiattolo attraverso la costituzione di una servitù di passaggio su una strada privata. Abbiamo detto sin da subito che si sarebbe trattato di una soluzione temporanea in previsione della realizzazione delle opere infrastrutturali vere e proprie (il sottopasso ciclopedonale in prossimità della rotatoria con Via della Fiera e la creazione di una pista), ma abbiamo voluto comunque mettere in campo una soluzione efficace proprio per venire incontro alle sollecitazioni dei residenti. A giorni dovrebbe essere firmato l’ultimo atto e subito dopo inizieranno i lavori di adeguamento per un collegamento provvisorio e sperimentale, ma che crediamo possa già dare una prima importante risposta in attesa che inizino le opere in capo a Società Autostrade”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento