Condohotel, Lombardi (FI): "La sinistra riminese innovativa e renziana a giorni alterni"

Il Consigliere regionale Marco Lombardi nel corso di un incontro con alcuni operatori turistici

“Il fuoco di fila alzato dal Sindaco Gnassi e dalla On. Petitti sulla proposta del Governo relativa ai condohotel, mi sembra una vera e propria battaglia di retroguardia. Certamente il tema è delicato perché il rischio di snaturare la nostra offerta turistica c'è, ma le argomentazioni portate, mi paiono datate e legate a timori di speculazione tipiche di una certa sinistra, che oggi non hanno più senso”. È quanto ha affermato il Consigliere regionale Marco Lombardi nel corso di un incontro con alcuni operatori turistici.

“Il tema vero è: i vincoli e le restrizioni imposti oggi dalle amministrazioni di sinistra hanno pagato?  Le pensioni fuori mercato o gli alberghi un po' trascurati sia dalla gestione che dalla proprietà, si possono rilanciare senza nuove opportunità di investimento? Io credo che le politiche passate abbiano già dimostrato i loro limiti e quindi provare qualcosa di nuovo male non può fare”.

“Del resto - ha proseguito Lombardi -  mi pare che alcuni accorgimenti per escludere che la zona alberghiera si trasformi in residenziale siano già contenuti nel provvedimento “sblocca Italia” e vale la pena  concentrarsi più su eventuali ulteriori modifiche che bloccare tutto.   Ad esempio la riduzione del numero di camere per albergo può creare problemi a tour operator internazionali e quindi si dovranno studiare accorgimenti ed accorpamenti per combinare la nostra rinomata gestione familiare con una gestione industriale di una o più realtà alberghiere. Dobbiamo coniugare la necessità di riqualificazione con la congiuntura economica e con la realtà delle nostre strutture in cui spesso la gestione è diversa dalla proprietà”.

“Certo - ha concluso Lombardi - che se la disciplina pratica di queste nuove strutture venisse rimessa, come pare, alle Regioni, ed i rappresentanti locali o regionali del PD dovessero subire le pressioni del nostro Sindaco e dell’On.le Petitti, ci troveremmo di fronte all’ennesimo tentativo, già portato avanti con il Governo Berlusconi, di una Regione Emilia-Romagna che usa le sue prerogative per mettere i bastoni tra le ruote del rilancio del comparto turistico, per motivi esclusivamente ideologici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci vuole fantasia, innovazione  e voglia di rischiare. La sinistra riminese non può essere renziana a giorni alterni ed il Sindaco Gnassi, oltre a curare le rotonde ed i cerchi rossi e verdi, si dovrebbe interrogare sul flop dell’aeroporto e sul grido di dolore degli albergatori di Torre Pedrera, che come gran parte degli operatori delle periferie si sentono abbandonati da questa Amministrazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento