Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Congresso Pd, al voto nei circoli vittoria di Bonaccini. Bene Schlein, che supera il 40% delle preferenze

“La tendenza che si è registrata è di un’affluenza contenuta riflesso di uno scollamento del Pd nei confronti anche dei propri militanti, ma il risultato che non era affatto scontato nella nostra provincia".

Si sono conclusi i congressi di circolo del Partito Democratico nella provincia di Rimini, per la scelta del nuovo segretario. Nei 50 circoli al voto il 72% dei 1620 iscritti, vale a dire 1.144 iscritti. In base ai dati comunicati a Rimini e provincia vince Stefano Bonaccini che ottiene il 54,7% (626 preferenze), mentre Elly Schelin raggiunge un significativo 40,91% (468 voti). Piccole percentuali per Gianni Cuperlo (45 voti, 3,9%) e Paola De Micheli (5 voti, 0,4%).

Commenta l'esito del voto il segretario provinciale Filippo Sacchetti: “Momento di grande partecipazione democratica, con la discussione che è andata oltre i candidati ed è entrata nel merito del progetto di rilancio del Paese.  La maggiore affermazione per Bonaccini si è avuta a Santarcangelo (70 preferenze su 100 votanti), Schlein ha primeggiato invece in Valconca. Ma il lavoro non è concluso, abbiamo davanti altre due settimane per portare a termine la fase congressuale e poi tornare finalmente a concentrarci al 100% sul tanto lavoro da fare per il Paese”.

Sempre Sacchetti: “Registriamo con soddisfazione il fatto che in tutti i 50 circoli del territorio si sia fatta un’approfondita discussione sui temi e non solo sulle figure presentate dalle varie mozioni: siamo partiti a fine dicembre con la discussione "bussola" riguardo i principi, i valori e i grandi obiettivi del nuovo Pd, consapevoli della necessità di ritrovare un maggior radicamento e di rilanciare un progetto di prospettiva per il Paese fondato su cardini quali equità, ambiente e lavoro. A Rimini l'abbiamo fatto in un nuovo patto sociale diffuso tra economia e società che tiene insieme sviluppo e diritti. Una traiettoria che ha portato alla ritrovata partecipazione a un momento come questo delle primarie in un momento storico complicato per il partito” prosegue Sacchetti, chiosando con l’appuntamento decisivo in calendario domenica 26 febbraio: “Per l’ultimo confronto ai gazebo e on line saranno oltre 50 le sedi a disposizione a livello provinciale di cui forniremo a breve tutte le indicazioni sul sito del Partito Democratico”.

Il coordinatore del comitato "Rimini per Bonaccini" Mattia Morolli sottolinea: “La tendenza che si è registrata è di un’affluenza contenuta riflesso di uno scollamento del Pd nei confronti anche dei propri militanti, ma il risultato che non era affatto scontato nella nostra provincia e l’ampio scarto sopra i 150 voti e la vittoria conquistata nel comune capoluogo ci rende molto orgogliosi del lavoro svolto e ci dà la giusta carica per fare ancora meglio per il prossimo appuntamento del 26 febbraio. Rispetto al tesseramento, come è stato evidenziato dai dati, c’è stato un lieve incremento, ma i numeri dei nuovi iscritti e dei recuperi ovvero ex iscritti che sono tornati a tesserarsi ci pone di fronte ad una grande responsabilità". I numeri assoluti sui tesseramenti non sono stati forniti.

Continua Morolli: "Quel che si percepisce confrontandosi con le persone è una vera propria energia popolare che va valorizzata, ascoltata e recepita all’interno di questo progetto. Non può esserci più spazio per segretari con profili identitari di una minoranza, Stefano Bonaccini è la persona giusta alla guida del pd è una figura che sa unire e a dimostrarlo è la sua storia personale. Il risultato ottenuto nei circoli ha premiato la sua scelta di non chiedere sostegno ad alcuna corrente ed è questa la sua forza per poter realizzare il progetto di un nuovo partito democratico che ha estremamente bisogno di calarsi nella realtà, di rispondere ai bisogni delle persone, di rinnovare la sua classe dirigente con persone che hanno dimostrato sui territori di aver conservato le relazioni con il nostro elettorato. Serve una nuova stagione, bisogna metterci la faccia, costruire un PD laburista, progressista e più popolare, con una struttura moderna che possa essere all’altezza del proprio nome nei fatti e sempre coerente con la questione morale, solo così si costruisce una proposta credibile ed in grado di battere la destra, come peraltro ha già dimostrato nella nostra regione”.

Molto soddisfacente il risultato ottenuto da Elly Schlein, che si attesta al 41% dei consensi e vince a Riccione, in Valconca, a Novafeltria e poi in alcuni quartieri di Rimini, tra i quali il "Quinto Peep" di via Euterpe, le Celle, il centro storico e Miramare. Dichiarano i coordinatori provinciali della mozione, Eleonora Martello, Chiara Angelini ed Emanuele Bianchi: “C’è voglia di partecipare per ricostruire il partito e sentirsi comunità. Elly è la vera novità di questo congresso del Pd, capace di mettere in campo proposte di politiche per contrastare la precarietà, che ha raggiunto livelli insopportabili in questa fase storica, coinvolgendo tanti giovani e persone che sono ritornate ad occuparsi e appassionarsi di politica. Diritto alla casa come bene primario, della difesa degli ultimi, salario minimo, redistribuzione, conversione digitale ed ecologica. Questi alcuni dei temi più importanti al centro dell’agenda programmatica di Elly Schlein e del suo documento programmatico. Una nuova proposta politica che possa tenere insieme sogno e concretezza. Elly Schlein può davvero far tornare la sinistra a essere competitiva con la destra. Ora ci attendono due settimane nelle quali coinvolgere l’elettorato del PD, puntando a recuperare la fiducia anche di chi ultimamente si è allontanato dalla politica, per far rinascere una nuova speranza e nuova linfa di partecipazione alla vita politica del paese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso Pd, al voto nei circoli vittoria di Bonaccini. Bene Schlein, che supera il 40% delle preferenze
RiminiToday è in caricamento