A Morciano il Pd ragiona su aggregazioni e unioni dei Comuni

Riorganizzazione dei servizi, semplificazione amministrativa, gestione associata delle funzioni, razionalizzazione dei costi e della spesa. E' la sfida che attende gli enti locali e di cui il Pd parlerà martedì a Morciano

Riorganizzazione dei servizi, semplificazione amministrativa, gestione associata delle funzioni, razionalizzazione dei costi e della spesa. E' la sfida che attende gli enti locali alla luce delle recenti riforme varate dal Governo. Per i Comuni più piccoli significherà gestire in forma associata funzioni fondamentali come amministrazione e controllo, polizia locale, istruzione, viabilità e mobilità, territorio e ambiente, welfare e sociale, nella direzione dei risparmi e delle economie di scala, valorizzando al contempo le peculiarità e la vocazione di un territorio.

Una “rivoluzione” che impegna anche i comuni della provincia di Rimini e di cui si discuterà domani sera a Morciano, in occasione dell'incontro “Valconca dalla parte dei cittadini: la gestione dei servizi associati e l'Unione dei Comuni”, organizzato dal Partito democratico. Appuntamento alle 18 nella sala del Garden (via Due Ponti 1) per affrontare il tema delle autonomie locali e del riordino istituzionale insieme a Emma Petitti, segretario provinciale Pd Rimini, Simonetta Saliera, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Giorgio Sagrini, della segreteria Pd Emilia-Romagna. Saranno presenti i sindaci e gli amministratori Pd della Valconca, il consigliere regionale Roberto Piva, il presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali, il segretario Pd Valconca Oriana Bertuccioli e i segretari di circolo locali.

Con l'appuntamento di domani prosegue il laboratorio del Pd per l'elaborazione della proposta sul riordino istituzionale. "L'incontro intende discutere la riforma a partire dal basso, nella convinzione che occorra ripensare l'apparato amministrativo sia a livello centrale sia locale – spiega Emma Petitti -. L'obiettivo delle proposte che il Pd mette in campo, dalla riforma della legge elettorale alla rimodulazione dell’elezione e delle funzioni delle Province, dall’individuazione delle 'aree vaste' con le dimensioni dei nuovi distretti all’impegno per forti investimenti finanziari atti a garantire servizi associati, è non solo la maggiore efficienza ed efficacia della pubblica amministrazione, tagliando sprechi e razionalizzando risorse, ma anche la ricostruzione di un rinnovato rapporto fra politica e cittadini, fondato sulla fiducia, la vicinanza e la credibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento