Coordinamento romagnolo? Il Pd ci prova

Un coordinamento delle federazioni provinciali romagnole del Partito Democratico: l'area vasta arriva anche nel principale partito che regge le amministrazioni locali romagnole e regionale

Un coordinamento delle federazioni provinciali romagnole del Partito Democratico: l'area vasta arriva anche nel principale partito che regge le amministrazioni locali romagnole e regionale. La proposta è arrivata da Marco Di Maio, segretario del Pd di Forlì che per i temi strategici ha proposto di creare una sorta di regia unica romagnola, affinché su temi di rilievo romagnolo, come infrastrutture, fiere, aeroporti, sanità, si riesca a parlare ad una sola voce, senza dare l'immagine di un teatrino in cui tutti “tirano acqua al proprio mulino”.

Di Maio ha avanzato la proposta nel corso di una recente direzione regionale del Partito Democratico, secondo quanto riporta la stampa locale. Il coordinamento potrebbe essere costituito dai quattro segretari di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini, i sindaci dei quattro capoluoghi e i tre presidenti di Provincia. Una struttura agile, per programmare gli interventi più strategici. Da parte sua Di Maio ha sottolineato di aver ricevuto consenso alla proposta da parte dei segretari delle tre province romagnole.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento