Cresce a vista d'occhio la prostituzione sull'Adriatica: monta la protesta dei cittadini

Sul tema interviene il presidente della Provincia, Stefano Vitali: "Lungo la Statale Adriatica e nelle vie interne a lambire i centri storici, cresce a vista d’occhio (ne sono purtroppo testimonianza le numerose segnalazioni in questi giorni da parte dei cittadini) la presenza del fenomeno nella riviera"

“Quel poco che ci consentono di fare: ideale titolo della possibilità di azione degli Enti locali nei confronti della piaga in aumento della prostituzione in strada”. Sul tema interviene il presidente della Provincia, Stefano Vitali: "Lungo la Statale Adriatica e nelle vie interne a lambire i centri storici, cresce a vista d’occhio (ne sono purtroppo testimonianza le numerose segnalazioni in questi giorni da parte dei cittadini) la presenza del fenomeno nella riviera. E con esso cresce l’esasperazione di quartieri, residenti e famiglie, alle prese quotidianamente e anche durante le ore di luce, con ‘spettacoli’ indegni di un Paese civile".

“L’esasperazione diventa protesta (giusta) – insiste Vitali - e richiesta di intervento da parte di chi, nella democrazia rappresentativa e dai poteri tripartiti, ha per legge il compito e l’obbligo di farlo. Che però non lo può fare: i sindaci, anche i nostri sindaci, si stanno applicando in una sorta di creativo ‘fai di te’ interpretativo delle leggi sulla prostituzione, emanando ordinanze che però non reggono l’urto dei tribunali; i tribunali non possono fare altro che applicare leggi che, con ogni evidenza, escludono ‘l’aggravante’ del disturbo dell’ordine e della quiete pubblica a chi esercita la prostituzione in strada; le forze dell’ordine sono anch’esse ‘ammanettate’ dalle medesime norme; si ritorna ai cittadini, increduli e arrabbiati di fronte a questa ammissione di impotenza istituzionale, e ai sindaci in ordine sparso tra minacce di rendere pubbliche le immagini dei clienti alle contravvenzioni per intralcio della circolazione stradale”.

Secondo il presidente della Provincia di Rimini, “il rischio è che si trascorra un’altra primavera e un’altra estate in balia di questa vergogna a cielo aperto, magari contrappuntate dalle ormai tradizionali polemiche nei confronti di questo o quell’altro, più o meno con la filosofia dei ‘polli di Renzo’. Cosa fare? In attesa che una discussione seria sui limiti di una legge che, a distanza di 50 anni, mostra evidenti segni di inadeguatezza rispetto a una situazione che si è evoluta/involuta, quel poco che ci consentono di fare oggi è reiterare le ordinanze sindacali, chiedere al Prefetto che nel prossimo Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza venga inserito all’ordine del giorno un punto specifico, ribadire l’importanza di servizi di contrasto specifici da parte delle forze dell’ordine. Nulla di nuovo, e neanche di particolarmente esaltante visti i risultati, ma l’alternativa sarebbe il fatalismo e l’immobilismo. Non ce lo possiamo permettere. Giocoforza, dobbiamo fare quel poco che è consentito”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento