Inquinamento alle stelle: nel 2012 88 sforamenti in via Flaminia

Posati i calici per le festività di Natale, Rimini al risveglio si trova costretta a fare i conti con l'inquinamento atmosferico. Il 2012 si è chiuso con dati inquietanti relativi al'inquinamento atmosferico nella nostra città

Posati i calici per le festività di Natale, Rimini al risveglio si trova costretta a fare i conti con l'inquinamento atmosferico. Il 2012 si è chiuso con dati inquietanti relativi al'inquinamento atmosferico nella nostra città. A Rimini la centralina di misurazione del PM10 (particolato o polveri sottili) di via Flaminia ha registrato 88 sforamenti nel 2012. "Un dato allarmante che potrebbe essere addirittura superiore del 10-15%, se si considera che la stessa centralina non ha fornito misurazioni per problemi tecnici oltre 20 volte", spiegano dal MoVimento 5 Stelle.

"I livelli di inquinamento sono stati superiori per 88 volte al “limite per la protezione della salute umana” che non può essere superato più di 35 volte all’anno (DM 60/02). Un limite ulteriormente inasprito nelle direttive europee 1999/30/EC e 96/62/EC, che ha fissato i limiti per la concentrazione delle PM10 nell'aria a 7 sforamenti annui - continuano dal Movimento 5 Stelle -. I dati degli ultimi 3 anni mostrano come la situazione sia sempre più grave: nel 2009 gli sforamenti registrati furono 36, nel 2010 se ne registrarono 58 e nel 2011 si arrivò a 74".

"I dati del 2012 consegnano un quadro drammatico per la salute dei cittadini riminesi - sottolineano i grillini -. Le polveri sottili sono responsabili di gravissime patologie. In tali condizioni, aumenta la probabilità di accusare sintomi per i soggetti particolarmente sensibili. Anche adulti sani possono manifestare difficoltà respiratorie e cardiache, soprattutto durante attività fisiche intense e prolungate all´aperto. I dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità consentono di calcolare in 39.000/anno il numero di morti premature in Italia causate dalle polveri sottili".

"Tra i sintomi, la stessa OMS parla di un incremento altissimo di bronchiti, di una sensibile diminuzione della funzione polmonare nei bambini. Studi universitari parlano di asma, arteriosclerosi e parti prematuri - evidenziano ancora i grillini -. Per comprendere quanto questi dati interessino potenzialmente la nostra città ricordiamo che Rimini è tra le 30 città europee più inquinate da PM10, e ai primi posti in classifica a livello italiano. Lo dice il rapporto ambiente e territorio di Istat del 2010. Il completamento della terza corsia della autostrada A14 aggraverà ulteriormente la situazione".

Secondo il Movimento 5 Stelle, "l'aumento della velocità dagli attuali 80 km/h ai 130 km/h provocherà un sensibile aumento della produzione di PM10 e PM2,5. Gli automezzi consumeranno e inquineranno fino al 30% in più. Di fronte a questa emergenza l'azione della amministrazione si è dimostrata inadeguata ed inefficace. Le misure paventate sono inutili palliativi. E i dati di Arpa lo testimoniano. Un problema tanto drammatico andrebbe affrontato urgentemente con misure straordinarie. Nel nostro ordinamento giuridico, la protezione dell’ambiente è imposta da dettami costituzionali (artt. 9, 32 Costituzione) e si eleva a valore primario ed assoluto con la tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività".

"Nella nostra città, in particolare i bambini, corrono un rischio altissimo - evidenziano dal Movimento -. In questi mesi le risposte dell'assessore all'ambiente alle nostre interpellanze sono state fumose promesse di tavoli o il ricorso a piantumazioni lungo il tratto cittadino della autostrada A14. Non si registrano altresì iniziative dell'assessore con delega alla sanità: nessuna indagine conoscitiva, nessuna campagna informativa sui rischi che i cittadini corrono ogni giorno. In Consiglio Comunale abbiamo più volte, con forza, evidenziato questo quadro devastante. Rilevando come le risposte della Giunta evidenzino una sconcertante mancanza di attenzione. Che si riflette nell'adozione di provvedimenti inutili e inefficaci".

Concludono gli esponenti del Movimento 5 Stelle, sostenendo che "una azione politica tanto inadeguata e una situazione ambientale così drammatica esigono una assunzione di responsabilità precisa. Questi amministratori si sono dimostrati incapaci di proteggere la salute dei propri cittadini e devono dimettersi immediatamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

Torna su
RiminiToday è in caricamento