Lombardi (Pdl) e Zoffoli (Pd): "Dati Istat su incidenti inattendibili"

Davanti alla “incompletezza, inattendibilità e intempestività” dei dati Istat sugli incidenti stradali, la Regione dovrebbe progettare “un nuovo sistema di rilevazione della sinistrosità e una migliore e più aggiornata banca dati”

Davanti alla “incompletezza, inattendibilità e intempestività” dei dati Istat sugli incidenti stradali, la Regione dovrebbe progettare “un nuovo sistema di rilevazione della sinistrosità e una migliore e più aggiornata banca dati”: a chiederlo, in una interrogazione alla Giunta regionale, sono i consiglieri Marco Lombardi (Pdl), Presidente della commissione Bilancio, Affari generali ed istituzionali, e Damiano Zoffoli (Pd), Presidente della commissione Territorio, mobilità, ambiente.

Lombardi e Zoffoli citano alcuni esempi, emersi anche durante il convegno “Guidare a fari spenti nella notte” patrocinato lo scorso mese dall’Assemblea legislativa: il caso più clamoroso è quello del giovane fiorentino Lorenzo Guarnieri, a cui i genitori hanno intitolato l’associazione che ha raccolto oltre 60.000 firme per l’introduzione del reato di omicidio stradale, che secondo l’Istituto di statistica sarebbe uscito incolume dall’incidente che gli è costato la vita, ma i due consiglieri rimarcano anche come, secondo l’Asaps, solo nella provincia di Forlì-Cesena manchino almeno 5 vittime della strada nei dati del 2011. Per questo i due presidenti di commissione fanno appello per un archivio che aiuti la prevenzione registrando “le cause dell’incidente, la dinamica degli impatti e delle lesioni, le modalità e l’efficacia dei soccorsi tecnico-sanitari”.

Ma per diminuire il numero degli incidenti servono anche “efficaci e puntuali interventi repressivi”, avvertono Lombardi e Zoffoli ricordando come nel 2009 i sinistri alla guida siano costati alla regione “2.664.840.168 euro di costi sociali, pari a 1,9 punti di Pil, e 399.766.097 euro di costi sanitari”: alla Giunta i due presidenti chiedono quindi “iniziative da intraprendere al fine di migliorare la sicurezza stradale” e “risorse da mettere a disposizione per questo obiettivo”, insieme a un impegno per “una riforma del codice della strada che inasprisca le pene per chi guida in stato di alterazione da alcol o droga”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento