Destinazioni turistiche, Sensoli (M5S): "Così non va, più tutele per le piccole realtà"

E' quanto chiede Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, all’interno di una risoluzione presentata alla Giunta

"Maggiore tutele e più peso per i piccoli Comuni all’interno delle nuove Destinazioni Turistiche". È quanto chiede Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, all’interno di una risoluzione presentata alla Giunta riguarda ai nuovi organismi che andranno a sostituire le vecchie “Unioni di prodotto” per la promozione dell’offerta turistica dell’Emilia-Romagna. “A nostro avviso così come oggi sono state concepite, le Destinazioni Turistiche rischiano di creare delle profonde disparità tra territori – spiega Raffaella Sensoli – Se l’obiettivo principale è quello di promuovere al meglio l’offerta turistica ‘minore’ soprattutto sul mercato nazionale, lasciando ad APT invece quella che riguarda il mercato straniero e i grandi progetti, bisognerebbe cercare di adottare al più presto dei correttivi all’interno degli Statuti che in queste settimane gli enti locali stanno per approvare”. Il riferimento, in particolare, è alla Destinazione Turistica che riguarda il territorio della Romagna e quello di Ferrara dove, per esempio così come sono stati suddivisi i voti, il peso di realtà già oggi con maggiore offerta e strutture potrebbe sovrastare tutti gli altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Far pesare per il 40% sia le presenze sul territorio che quella della disponibilità dei posti letto ci sembra una esagerazione proprio perché andrebbe contro quello che è lo stesso spirito della Destinazioni Turistiche, ovvero promuove le realtà minori che non beneficiano direttamente del lavoro fatto da APT – aggiunge Raffaella Sensoli – Anche il pagamento delle quote versate dai singoli Comuni andrebbe in qualche modo rivisto, visto che al momento non c’è una proporzione tra quanto pagato dalle amministrazioni e le spese realmente effettuate, che quindi andrebbero eseguite esclusivamente a rendiconto”. Per questo nella risoluzione presentata dal Movimento 5 Stelle, e che verrà discussa nel corso delle prossime sedute dell’Assemblea Legislativa, si chiede alla Giunta di prevedere un meccanismo di revisione degli Statuti rivolto alla tutela dei Comuni più piccoli e dell’offerta turistica minore a cominciare dal fatto che una quota pari almeno al 25% delle spese complessive per i programmi di promozione sia riconducibile a territori diversi da quelli che registrano i primi 10 risultati per numero di posti letto o di presenze. “Il rischio che si corre è creare un pericoloso cortocircuito che vedrebbe primeggiare sempre e solo l’offerta turistica che già beneficia dei grandi investimenti promozionali di APT – conclude Raffaella Sensoli – creando così anche una ingiusta rivalità, per esempio, tra città d’arte, verde e Riviera che invece dovrebbero procedere sulla stessa lunghezza d’onda”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

Torna su
RiminiToday è in caricamento