Destinazioni turistiche, Sensoli (M5S): "Così non va, più tutele per le piccole realtà"

E' quanto chiede Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, all’interno di una risoluzione presentata alla Giunta

"Maggiore tutele e più peso per i piccoli Comuni all’interno delle nuove Destinazioni Turistiche". È quanto chiede Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, all’interno di una risoluzione presentata alla Giunta riguarda ai nuovi organismi che andranno a sostituire le vecchie “Unioni di prodotto” per la promozione dell’offerta turistica dell’Emilia-Romagna. “A nostro avviso così come oggi sono state concepite, le Destinazioni Turistiche rischiano di creare delle profonde disparità tra territori – spiega Raffaella Sensoli – Se l’obiettivo principale è quello di promuovere al meglio l’offerta turistica ‘minore’ soprattutto sul mercato nazionale, lasciando ad APT invece quella che riguarda il mercato straniero e i grandi progetti, bisognerebbe cercare di adottare al più presto dei correttivi all’interno degli Statuti che in queste settimane gli enti locali stanno per approvare”. Il riferimento, in particolare, è alla Destinazione Turistica che riguarda il territorio della Romagna e quello di Ferrara dove, per esempio così come sono stati suddivisi i voti, il peso di realtà già oggi con maggiore offerta e strutture potrebbe sovrastare tutti gli altri.

“Far pesare per il 40% sia le presenze sul territorio che quella della disponibilità dei posti letto ci sembra una esagerazione proprio perché andrebbe contro quello che è lo stesso spirito della Destinazioni Turistiche, ovvero promuove le realtà minori che non beneficiano direttamente del lavoro fatto da APT – aggiunge Raffaella Sensoli – Anche il pagamento delle quote versate dai singoli Comuni andrebbe in qualche modo rivisto, visto che al momento non c’è una proporzione tra quanto pagato dalle amministrazioni e le spese realmente effettuate, che quindi andrebbero eseguite esclusivamente a rendiconto”. Per questo nella risoluzione presentata dal Movimento 5 Stelle, e che verrà discussa nel corso delle prossime sedute dell’Assemblea Legislativa, si chiede alla Giunta di prevedere un meccanismo di revisione degli Statuti rivolto alla tutela dei Comuni più piccoli e dell’offerta turistica minore a cominciare dal fatto che una quota pari almeno al 25% delle spese complessive per i programmi di promozione sia riconducibile a territori diversi da quelli che registrano i primi 10 risultati per numero di posti letto o di presenze. “Il rischio che si corre è creare un pericoloso cortocircuito che vedrebbe primeggiare sempre e solo l’offerta turistica che già beneficia dei grandi investimenti promozionali di APT – conclude Raffaella Sensoli – creando così anche una ingiusta rivalità, per esempio, tra città d’arte, verde e Riviera che invece dovrebbero procedere sulla stessa lunghezza d’onda”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Temperature in picchiata, arriva la prima nevicata della stagione

  • Tre giorni di live, a Capodanno Riccione diventa la capitale della musica: arivano anche Emma e Mahmood

  • Aggressione sessuale nell'ascensore di una clinica medica: paura per una ragazza

  • "Siamo nel mirino delle bande di ladri", i residenti infuriati chiedono più sicurezza

  • In migliaia all'assalto di 38 posti di lavoro: boom di domande per il concorso

Torna su
RiminiToday è in caricamento