Dopo il blitz della polizia, Renzi (FdI): "Abbattere l'ex kebab della stazione"

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia sollecita l'amministrazione a radere al suolo la struttura centrale dello spaccio

Dopo il blitz della polizia di Stato, che lo scorso fine settimana ha sgomberato la struttura dell'ex kebab di viale Cesare Battisti diventata centrale dello spaccio e ricovero di sbandati, il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Gioenzo Renzi, ha chiesto all'amministrazione comunale di Rimini di abbattere la struttura. "Quel posto - tuona Renzi - è la base logistica degli spacciatori di droga, di malavitosi, rappresenta un problema di ordine pubblico, di sicurezza, di igiene pubblica a 50 metri dall’ingresso della Stazione e all’ingresso della città, pericoloso, non solo nelle ore notturne, per il passaggio antistante dei cittadini e turisti e con una brutta immagine per la città. Ricordo che la struttura è stato costruito abusivamente negli anni ‘60  su un’area di proprietà delle Ferrovie dello Stato e in minima parte del Comune, in quanto l’unica concessione edilizia era stata rilasciata nel 1948 per l’installazione di un chiosco ”frutta” in posizione totalmente diversa antistante l’entrata della Stazione Ferroviaria. Le Ferrovie dello Stato hanno revocato il 13.2.2017  la concessione al gestore con scadenza al 30.6.2018 per inadempienze contrattuali e il Comune di Rimini ha revocato il 17.7.2017  l’autorizzazione comunale alla  somministrazione di alimenti e bevande per abusi edilizi. Il ricorso della proprietaria del locale per l’annullamento dei provvedimenti emessi dal Comune di Rimini è stato respinto dal TAR dell’Emilia Romagna il 31.5.2018". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Alla luce di queste irregolarità edilizie - prosegue il consigliere comunale - ma soprattutto per eliminare questa preoccupante situazione di illegalità, ho sollecitato, ieri sera,  con una  interrogazione consigliare l’intervento del Sindaco. Il Sindaco deve chiedere al Prefetto la  convocazione del Comitato per l’Ordine Pubblico e la Sicurezza per attivare urgentemente la demolizione dell’ex Kebab sulla base delle ragioni di ordine pubblico, sicurezza, igiene pubblica, evidenziate dalla Questura di Rimini. La suddetta demolizione è fondamentale per liberare i Giardini della Stazione dallo stato di illegalità, insicurezza, degrado, che si estende nelle vicine aree urbane. Per le stesse ragioni è da rimuovere anche la vasca d’acqua rettangolare punto di incontro degli “irregolari” e utilizzata per i loro servizi igienici (lavandino, pediluvio, bidè, lavapanni). Contestualmente deve essere potenziata la video sorveglianza sull’intera area dei Giardini della Stazione per consentire un controllo continuo e più ampio. Alla porta di ingresso di Rimini non è più tollerabile il kebab con lo spaccio della droga, l’insicurezza e il degrado".    
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento