Elezioni a Riccione, Tosi: "Abolire l'Irpef per dare respiro alle famiglie"

E' quanto annuncia il candidato sindaco a Riccione della coalizione di centrodestra, Renata Tosi

"La prima operazione che metterò in campo sarà un provvedimento pienamente attuabile: l’abolizione dell’addizionale Irpef per dare ancora più respiro ai cittadini e alle famiglie". E' quanto annuncia il candidato sindaco a Riccione della coalizione di centrodestra, Renata Tosi. "Continueremo a lavorare sul bilancio in modo puntuale, sulla scia di quanto fatto, vorrei ricordare che abbiamo recuperato tre milioni di Imu insoluta - prosegue Tosi -. Relativamente ai passi carrai sottolineo ancora una volta che si è reso necessario un adeguamento irrisorio, dopo anni di mancata regolamentazione, dove ogni cittadino nella pratica si autogestiva senza dare comunicazione o presentare richiesta al Comune. Noi abbiamo lavorato e continueremo fermamente nella direzione di contenimento della pressione fiscale evitando sprechi stando sempre a fianco dei riccionesi".

Tosi interviene anche sul ruolo di Geat e della gestione dei servizi svolti da Hera: "Geat deve essere salvaguardata con un piano di ottimizzazione e implementazione delle lavorazioni che riportino in house settori basilari per il decoro della città, come lo spazzamento, la raccolta rifiuti e la pubblica illuminazione. Quanto ad Hera i rapporti devono essere chiari e solo contrattuali affinchè il Comune possa tornare ad essere il diretto controllore della società che gestisce i servizi  erogati ai cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento