Elezioni a Santarcangelo, "il contributo socialista all’accordo di centro-sinistra"

"E’ stato dunque, concluso un accordo politico-programmatico nell’ambito del centro-sinistra, ove sono state recepite quasi tutte le proposte socialiste"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

"I socialisti di Santarcangelo hanno compiuto un percorso politico autonomo prolungatosi per oltre un mese e culminato l’8 di marzo scorso con le “primarie delle idee”, consentendo in questo modo a quasi 200 santarcangiolesi di indicare le loro priorità per il governo della città. Questo processo di elaborazione politica, normale nella prassi socialista, è stato necessario per mettere a fuoco le principali questioni cittadine e potere confrontarci produttivamente con le altre forze politiche, come è nostra consuetudine.

E’ stato dunque, concluso un accordo politico-programmatico nell’ambito del centro-sinistra, ove sono state recepite quasi tutte le proposte socialiste.  Si tratta di una scelta che si muove indubbiamente nel solco della storia del socialismo santarcangiolese degli ultimi 15 anni, che ha visto la nostra presenza costante nel governo della città con un contributo autonomo ed originale fatto di buone idee riformiste. E’ un contributo di poche e semplici idee che però rappresenterebbe, se realizzate e vigileremo perché ciò avvenga, una svolta e un segnale di forte cambiamento nel governo della città. Città che, in questi ultimi 15 anni ( compresa la parentesi commissariale ), non è stata amministrata male, anzi e ciò  è dimostrato dal prestigio che ha sempre avuto e continua ad avere , dentro e fuori i confini.
Ma i tempi cambiano, come le necessità e occorre farvi fronte. Il documento programmatico, che condividiamo è fortemente permeato di questi nuove idee adatte ai tempi.  Noi abbiamo portato alla coalizione il nostro contributo di proposte, suggerite anche da quel campione di cittadini che hanno voluto dire la loro l’8  marzo.  In parte erano già contemplate nell’accordo di programma ma secondo noi in forma troppo generica o superficiale, altre non lo erano affatto e rappresentano il nostro contributo originale.

Passiamo ad elencarle le une e le altre seppur brevemente:
1. La Valmarecchia, ogni aspetto del governo e dello sviluppo della città va ricondotto in un’ottica di vallata, parafrasando Tonino Guerra “ la valle sarà più bella se sarete uniti “
2. La viabilità in vallata va adeguata e rinnovata, anche sviluppando la mobilità dolce e potenziando la stazione ferroviaria di Santarcangelo con nuove fermate;
3. Ospedale, va difeso a tutti i costi, pur nell’ambito di una sanità regionale rinnovata, a partire dalla chirurgia sia generale che specialistica; potenziare l’attività diagnostica e ambulatoriale per abbattere le lunghe attese;
4. Ricovero anziani, riorganizzazione della sua gestione preferibilmente in un ambito di vallata o locale per ricavare le risorse e fare gli investimenti necessari ad incrementare i posti letto, anche solo diurni, in considerazione delle crescenti richieste della nostra popolazione anziana; in ogni caso va garantita la qualità dei servizi offerti e la loro estensione in relazione ai costi e alle migliorie di scala;  
5. Revisione dei contratti con le aziende che gestiscono i servizi pubblici, a cominciare da Hera e ATERSIR ( agenzia territoriale servizi idrici e rifiuti ) per ridurre il costo del servizio al Comune anche valutando sistemi di gestione alternativi all’attuale; premiare i comportamenti virtuosi dei cittadini con riduzioni delle tariffe individuali;
6. Sviluppo dell’edilizia sociale e pubblica anche con convenzioni con ACER e l’esperienza dell’autocostruzione; edilizia scolastica, riqualificazione e adeguamento degli edifici esistenti e nuovi plessi là dove programmati;
7. Sostegno al lavoro e al reddito per cittadini in difficoltà e alle imprese rifinanziando i fondi specifici;
8. Semplificazione e snellimento della burocrazia comunale nei rapporti col cittadino".

Torna su
RiminiToday è in caricamento