Elezioni, Morelli: "Bellaria Igea Marina ha bisogno di uno scatto in avanti"

“Bellaria Igea Marina ha bisogno di uno scatto in avanti - ha esordito il candidato sindaco Gabriele Morelli -. Questa amministrazione arrogante non coinvolge i cittadini"

Molto partecipato e attivo l’incontro alla Cagnona di mercoledì sera del candidato sindaco di Bellaria, Gabriele Morelli. “Bellaria Igea Marina ha bisogno di uno scatto in avanti - ha esordito Morelli -. Questa amministrazione arrogante non coinvolge i cittadini. Basti pensare all’intervento del sottopasso in via Savio, fatto male, poco funzionale con sperpero di risorse pubbliche”. Sono state affrontate le linee generali del suo programma: città innovativa, meno tasse comunali (abbiamo l’Imu al massimo), nuova mobilità rinnovo della spiaggia.

“Oggi – ha continuato Morelli – quando si fa un intervento tutti i cittadini devono beneficiarne e non solo una piccola parte. Non ci devono essere contrapposizioni tra mondo del turismo e residenti. Tutti facciamo parte di questa Città e tutti vogliamo vivere bene. Non possiamo ammazzare di tasse le persone indistintamente e a favore di pochi, non possiamo costruire un parcheggio in un parco pubblico per soddisfare una minoranza come è successo per via Costa”.

Nel corso della serata sono state fatte richieste di intervento contro l’abbattimento del monumento dedicato ai Caduti ad opera dell’Amministrazione Comunale al quale Morelli, già intervenuto pubblicamente, ha ribadito: “ll gesto compiuto dall’Amministrazione è stato profondamente sbagliato, arrogante e violento verso la Città tutta e la sua memoria collettiva e non tanto verso l’autore o quella parte che si riconosce in una certa lettura della storia, che peraltro, dovrebbe essere di tutti".

"Infatti, a pochi giorni di distanza, viene affisso il manifesto delle celebrazioni del 25 aprile “dimenticando” che un fattore fondamentale della nostra libertà fu rappresentato da quei cittadini (chiamati partigiani, anche se sembra una parola, a leggere il manifesto, che sia sempre più difficile da pronunciare, a proposito di salvaguardia della memoria collettiva) che rischiarono (e molti purtroppo la persero) la vita nella guerra di Liberazione", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento