Elezioni, Licia Fabbri (FI): "Sulla sicurezza, la Regione finanzi i commercianti come in Lombardia"

"A Rimini, Marina Centro, i commercianti sono esasperati dalle continue aggressioni della criminalità. Alcuni hanno deciso di chiudere i negozi alle 13"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

"A Rimini, Marina Centro, i commercianti sono esasperati dalle continue aggressioni della criminalità. Alcuni hanno deciso di chiudere i negozi alle 13! E lo faranno fino a maggio. L'estate scorsa gli esercenti dell’Associazione Nuova Marina Centro si erano pagati da soli un servizio di vigilanza privata, a integrazione dell'opera delle Forse dell'Ordine. E i risultati si erano visti. Ma ora, terminato quel servizio, ripartiti i rinforzi delle Forze dell'Ordine, con la scarsa illuminazione e la videosorveglianza sempre promessa ma mai vista, i commercianti si sentono in balia dell'insicurezza.

Che fare allora? Come dice Giammaria Zanzini, presidente Associazione Nuova Marina Centro e membro direttivo di Confcommercio Rimini, “In Lombardia la Regione, grazie a un’iniziativa di Confcommercio, ha stanziato 2 milioni e mezzo d’euro per sostenere l’installazione di sistemi di sicurezza (video sorveglianza, antirapina, anti taccheggio) e li ha messi a disposizione degli esercenti. Fino a 5 mila euro il finanziamento è a fondo perduto. Infatti, quartieri vivibili e sicuri, sono una valore fondamentale per tutti i cittadini. E anche la Confcommercio di Rimini ha intenzione di chiedere alle Istituzioni regionali di avviare un medesimo progetto”.

Noi di Forza Italia sosterremo in ogni modo questa sacrosanta richiesta, come tutte quelle che contribuiscono a rendere i nostri luoghi più sicuri.Io personalmente mi impegnerò anche per un'altra misura: tutti gli investimenti in servizi e apparati di sicurezza da parte dei piccoli esercizi devono essere defiscalizzati".

Torna su
RiminiToday è in caricamento