Elezioni Regionali 2020 Emilia-Romagna, la guida: ecco come si vota, le liste e i nomi dei candidati

Tutte le informazioni utili ai cittadini chiamati a votare il nuovo presidente della Regione e i componenti dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna

Domenica 26 gennaio si vota per le elezioni regionali e in Emilia-Romagna sono chiamati alle urne oltre 3,5 milioni di elettori (precisamente 3.515.539 suddivisi in 1.707.781 uomini e 1.807.758 donne) in 4.520 sezioni dei 328 comuni per eleggere il presidente della Giunta della Regione e rinnovare l'Assemblea legislativa. Le circoscrizioni in Emilia Romagna sono 9 e 7 gli aspiranti alla presidenza, sostenuti da 16 liste.
Per le elezioni regionali non è possibile votare dall’estero, né per corrispondenza, né in altro modo, ma sono previste agevolazioni di viaggio con andata dal 17 gennaio e ritorno entro il 5febbraio (modalità e tariffe sono presenti sul sito di Trenitalia).

Tutte le notizie della campagna elettorale a Rimini e provincia

A Rimini

In provincia di Rimini le circoscrizioni sono 324, il totale degli elettori 276.153, di cui 134.121 maschi e 142.032 donne. I comuni sono 25: a Rimini le sezioni dove si vota sono 143, a Riccione 31, a Santarcangelo 20, a Bellaria 16, a Cattolica 15, a Misano 11 e a Novafeltria 10. A Verucchio, Coriano e San Giovanni sono 9; a Sant'Agata Feltria, San Leo, Poggio Torriana e Pennabilli sono 5; a Montescuodo-Monte Colombo 7, a Morciano 6; a San Clemente 4 e a Saludecio 3; sono invece 2 a Gemmano, Mondaino, Montefiore e Maiolo; a Casteldelci, Montegridolfo e Talamello 1.

VIDEO - Come si vota spiegato nel video ufficiale delle elezioni

Come si vota

Si vota nella sola giornata di domenica 26 gennaio e i seggi sono aperti dalle ore 7 alle 23.
L'elettore deve presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l'ha smarrita può richiederla all'ufficio elettorale del comune di residenza.

Voto di preferenza, 62 candidati in 16 liste: tutti i candidati

Le modalità di voto

Ciascun elettore può:
votare a favore solo di una lista tracciando un segno sul contrassegno; in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato presidente della Giunta regionale a essa collegato;
votare solo per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale tracciando un segno sul relativo rettangolo;
votare per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;
votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste (cosiddetto voto disgiunto).

Riguardo ai candidati al Consiglio regionale l'elettore può esprimere nelle righe della scheda al massimo due preferenze, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l'annullamento della seconda preferenza.

Programmi a confronto: le risposte dei 7 candidati su priorità e progetti

Le legge elettorale

La soglia di sbarramento per l'accesso al Consiglio regionale è del 5% per il candidato presidente o del 3% per la lista il cui candidato presidente non raggiunge il 5%. La legge elettorale è con base proporzionale, con una quota maggioritaria.

I 7 candidati alla presidenza della Regione:

Stefano Bonaccini, 53 anni, sostenuto da Pd, Volt, Europa Verde, Più Europa, Lista Bonaccini presidente; Emilia Romagna Coraggiosa; (appoggiato dal Pd)
Lucia Borgonzoni, 43 anni, sostenuta da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lista Borgonzoni Presidente, Popolo della Famiglia, Giovani e Ambiente
Simone Benini, 49 anni, Movimento 5 Stelle
Stefano Lugli, 45 anni, l’Altra Emilia Romagna
Domenico Battaglia, 46 anni, Movimento 3V-Vaccini Vogliamo Verità
Laura Bergamini, 59 anni, Partito Comunista
Marta Collot, 27 anni, Potere al Popolo (ma a Rimini senza liste di sostegno)

Le liste a sostegno e i candidati a Rimini

Liste a sostegno di Stefano Bonaccini:
Volt Emilia Romagna
Pd Bonaccini Presidente
Europa Verde
Bonaccini Presidente
Più Europa Bonaccini Presidente
Emilia Romagna Coraggiosa

Liste a sostegno di Lucia Borgonzoni:
Il Popolo della Famiglia - Cambiamo! insieme per l'Emilia Romagna
Lega Salvini Emilia-Romagna
Progetto Emilia Romagna Rete Civica - Borgonzoni presidente
Forza Italia (Berlusconi per Borgonzoni)
Fratelli d'Italia (Giorgia Meloni)
Giovani per l'Ambiente

Liste a sostegno di Simone Benini
Movimento 5 Stelle

Liste a sostegno di Laura Bergamini
Partito Comunista

Liste a sostegno di Domenico Battaglia
Movimento 3 V Vaccini Vogliamo la Verità

Liste a sostegno di Stefano Lugli
L'altra Emilia Romagna

Marta Collot senza liste a sostegno a Rimini

Il fac-simile della scheda elettorale

elezioni regionali 2020, facs-simile scheda-2

Voto in ospedale, seggi volanti e speciali

Negli ospedali e negli istituti e case di cura con almeno 200 posti letto è istituita una sezione elettorale per ogni 500 posti letto o frazioni di 500. Possono esercitare il loro voto nella sezione ospedaliera, se ne hanno fatto tempestiva richiesta al comune, oltre agli elettori ricoverati, anche gli elettori facenti parte del personale di assistenza dell’istituto di cura.
Per i degenti negli ospedali e negli altri luoghi di cura aventi meno di 100 posti letto e per la raccolta del voto a domicilio (per cui andava fatta richiesta entro il 6 gennaio con una domanda corredata da un certificato medico e inviata al Comune) vengono costituiti seggi "volanti". Nelle sezioni elettorali nella cui circoscrizione ci sono luoghi di cura (ospedali o altri istituti o case di cura) con almeno 100 e fino a 199 posti letto; nelle sezioni elettorali nella cui circoscrizione ci siano luoghi di detenzione e di custodia preventiva; presso le sezioni ospedaliere nelle quali sono ricoverati elettori che, a giudizio della direzione sanitaria, non siano in condizioni di recarsi alle cabine per esprimere il voto vengono costituiti seggi speciali.

Voto accompagnato

Gli elettori portatori di disabilità, fisicamente impediti nell’espressione autonoma del voto, possono votare con l’assistenza di un accompagnatore. Questi elettori possono recarsi in cabina con l’assistenza di un familiare o un’altra persona liberamente scelta, purché l’accompagnatore sia iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi comune della Repubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruspa come ariete per mettere a segno la spaccata nel supermercato

  • Estetista abusiva pizzicata a lavorare in casa senza permessi

  • Bollo auto: ecco cosa cambia nel 2020

  • Oggi Simoncelli avrebbe compiuto 33 anni: buon compleanno Sic

  • In casa oltre 33mila euro falsi, autotrasportatore arrestato dai carabinieri

  • Alberta Ferretti sfila con la nuova collezione a Rimini e sarà uno show in omaggio a Fellini

Torna su
RiminiToday è in caricamento