menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lombardi, (Mir): preoccupazione per forze armate e polizia

In un recente incontro elettorale con alcuni operatori delle Forze Armate e di Polizia, Marco Lombardi, capolista al Senato per la Lista MIR- Samorì, che fa parte della coalizione del centro destra- ha preso atto delle condizioni economiche

In un recente incontro elettorale con alcuni operatori delle Forze  Armate e di Polizia, Marco Lombardi, capolista al Senato per la Lista MIR- Samorì, che fa parte della coalizione  del centro destra-  ha preso atto delle   condizioni economiche, di servizio e del morale del personale delle Forze Armate e di Polizia.
"Gli eventi degli ultimi anni hanno impedito di redigere una piena riforma che veda ottimizzate le risorse e ridotte le spese, senza impoverire e danneggiare ancora una volta le famiglie degli operatori in uniforme, che è' bene ricordare sono  coloro che devono fornire quell'elemento di sicurezza reale e percepita che ormai fa parte della qualità della vita di ognuno di no"i.
"Il tentativo di “armonizzazione” con il pubblico impiego nel campo pensionistico, in parte realizzato dal Ministro Fornero, il blocco stipendiale e delle indennità, le valutazioni sulla Spending Review , il turn over al 20% (ne vanno in pensione 100 ne vengono sostituiti solo 20) hanno di certo ridotto la qualità della vita di militari e poliziotti.Proprio per evitare gli errori passati – ha affermato Lombardi - le aspettative del personale in uniforme trovano nel nostro programma piena attuazione.
Innalzare il turn over per concretizzare finalmente un ringiovanimento del comparto Sicurezza e Difesa e riordinare il sistema di progressione delle carriere. L’età media attualmente è di 47 anni.
Regolamento di armonizzazione dei trattamenti pensionistici del Comparto Sicurezza-Difesa che tenga realmente conto della specificità degli operatori limitando le penalizzazioni.
Improntare ad una maggiore democraticità il comparto Sicurezza e Difesa con una riforma del Testo Unico dell’Ordinamento Militare della Rappresentanza Militare.
Ottimizzare il profilo di impiego del personale prediligendo la proiezione esterna piuttosto che i servizi in ufficio, ridistribuzione delle risorse umane ed economiche.
Equiparazione stipendiale alle forze armate e di polizia europee.
Innovare la normativa in materia di vigilanza privata, prevedendo la creazione della figura professionale inserita in un apposito albo, e il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale durante l’orario di servizio. Avvalendosi di tali figure professionali in materia di sicurezza negli stadi e negli edifici scolastici, tribunali ed ospedali.
Controllo e gestione dell'immigrazione clandestina, attraverso la collaborazione tra governi europei e Paesi di origine e transito degli immigrati.
Abolizione della Magistratura militare e transito del relativo personale alla Magistratura ordinaria.

Sovraffollamento delle carceri: occorre una riforma strutturale che parta dall’inaugurazione dei circa 30 istituti di pena costruiti, spesso ultimati, a volte anche arredati e vigilati e inutilizzati, sottoutilizzati o in totale stato d'abbandono. Aumento organico della polizia penitenziaria. Si otterrà, di conseguenza, una status di detenuto maggiormente dignitoso rispetto alle condizione in cui versa oggi la popolazione carceraria".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento