menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Erbetta, candidato a sindaco di Rimini, favorevole al parco eolico

Voce fuori dal coro dell'esponente di Rinascita civica: dobbiamo diventare "la prima città green d'Italia"

Rimini deve diventare "la prima città green d'Italia" e "spingere gli investimenti verso un'economia circolare". Lo sostiene il candidato a sindaco per Rinascita civica, Mario Erbetta, in totale contrasto sia con l'attuale primo cittadino Andrea Gnassi, sia con il capogruppo della Lega Marzio Pecci che vorrebbe indire un referndum sul progetto. "Tutti si vantano di volere delle città green ed ecologiche- argomenta- ma quando si può fare realmente qualcosa per l'ambiente ecco i distinguo e i niet". Invece con il progetto del parco eolico, per "un investimento da un miliardo di euro", e con "i benefici compensativi che si potranno chiedere alla ditta realizzatrice", la città "potrà avere tutti i mezzi pubblici e gli edifici pubblici alimentati da energia pulita". Dunque, dal "Metromare alimentato totalmente a idrogeno", agli "uffici pubblici alimentati da pannelli fotovoltaici". E ancora: parco macchine elettriche, stop ai blocchi della circolazione in inverno, contributi alle famiglie per gli apparecchi di depurazione d'acqua o per i tritarifiuti, in ogni zona della città distributori di acqua gratuiti. E anche "incremento turistico, almeno 200 posti di lavoro e notevoli ricadute economiche sul territorio sia direttamente che indirettamente". Dunque, sprona Erbetta, "non si può ridurre la questione al brutto o bello esteticamente". Il progetto, conclude, può "essere migliorato diminuendo e allontanando le pale dalla riva", tuttavia "dare un no secco per puro gusto estetico mi sembra una valutazione estremamente riduttiva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento