Fiori (Lega): “Il Progetto Paglierani” rivela in partenza molti dubbi e perplessità"

Il consigliere del carroccio si prepara ad affrontare l'argomento in consiglio comunale

"La variante al POC da approvare in consiglio riferita al “Progetto Paglierani” rivela in partenza molti dubbi e perplessità soprattutto in merito al progetto stesso". A dichiararlo, in una nota stampa, è il consigliere della Lega Marco Fiori che il prossimo 31 luglo si prepara ad affrontare l'argomento in consiglio comunale. "Alla positività della apertura di un nuovo supermercato che non danneggerebbe di sicuro le botteghe tipiche ma forse contribuirebbe a calmierare gli esosi prezzi praticati dal monopolio della grande distribuzione santarcangiolese, fanno da contraltare le tante negatività che peseranno sui  residenti del villaggio Flora - spiega Fiori. - Aumento del traffico anche pesante fra le abitazioni. Aumento della rumorosità soprattutto a causa degli impianti del supermercato collocati a ridosso delle abitazioni stesse e la mancanza di nuovo verde pubblico, sebbene la amministrazione comunale sia propensa ad un mondo green ed ecosostenibile, preferisce monetizzare anziche’ rinverdire una città che da 70 anni a questa parte conosce solo la parola cementificazione. Il villaggio Flora subirà una radicale trasformazione, trasformandosi da tranquillo quartiere residenziale a rumorosa zona ad elevato traffico di Auto e mezzi pesanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il POC - conclude il consigliere leghista - presenta ulteriori criticità a partire dalla sua localizzazione, infatti Santarcangelo sud è totalmente inflazionata da attività similari, e relativo traffico stradale mentre esistono aree cittadine totalmente scoperte da servizi commerciali primari e piu’ indicate per assorbire il traffico che invece ingorga la via Emilia Sud. Il progetto prevede inoltre la realizzazione di nuovi uffici commerciali dei quali non si avverte il bisogno benzì tutt’altro, in quanto il nostra mercato immobiliare e’ gia’ saturo di offerte. In ultimo ma non per importanza, la realizzazione di alloggi ERS (edilizia residenziale sociale), con standard e stili architettonici totalmente differenti dagli attuali che potrebbero sminuire il valore commerciale della zona e la sua attrattiva residenziale. Un progetto creato in base a calcoli e semplicistiche formule aritmetiche non curanti del reale e negativo impatto ambientale sulla zona, al quale proporremo varianti e modifiche per il bene dei residenti". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento