Fu querelata dal sindaco di Bellaria, Bondoni (Pd) assolta

Marcella Bondoni, oggi responsabile regionale del Turismo del Pd, commenta la decisione del giudice in merito al procedimento penale scaturito da una querela del sindaco di Bellaria Igea Marina, Enzo Ceccarelli

‘Da due anni aspettavo questo momento, è una vittoria che dimostra come la trasparenza debba essere il faro guida per coloro che amministrano una comunità. Ho sempre avuto fiducia nella magistratura poiché ho agito per il bene pubblico’. Con queste parole Marcella Bondoni, oggi responsabile regionale del Turismo del Partito democratico, commenta la decisione del giudice in merito al procedimento penale scaturito da una querela del sindaco di Bellaria Igea Marina, Enzo Ceccarelli, e della Giunta nei sui confronti mentre era consigliere comunale e capogruppo di opposizione a Bellaria Igea Marina.

Il Fatto. Pochi mesi dopo l’insediamento della nuova amministrazione di centrodestra, tra i primi atti della Giunta ci fu un aumento consistente di stipendio per gli amministratori. La Bondoni aveva definito questo un atto iniquo e dopo aver reso noto il proprio reddito lordo aveva divulgato quelli degli amministratori comunali come atto di trasparenza verso i cittadini. Gli assessori e il sindaco l’avevano querelata per violazione della privacy in sede penale. Sabato, dopo un’archiviazione da parte del pm e un’opposizione conseguente di Ceccarelli al giudice per le indacini preliminari, è arrivata la notifica di termine del procedimento a favore della Bondoni.

‘In un momento storico come questo - continua la Bondoni – è necessario che tutti coloro che amministrano soldi pubblici siano un libro aperto nei confronti della popolazione. La sottoscritta ha sempre reso pubblici i propri redditi mentre ricopriva cariche istituzionali e lo ritengo un atto dovuto. Cosa c’era da nascondere? Perché il Sindaco mi ha querelato? Oggi questo decreto dimostra l’infondatezza dell’acrimonia nei miei confronti di questa destra. I nodi politici non possono essere affrontati per via giudiziaria, ma bisogna avere argomenti veri sui quali discutere e a quanto pare i nostri amministratori non li hanno. Mi risulta che Ceccarelli abbia sporto querele e diffide sia a consiglieri comunali di opposizione, sia a coloro che pubblicamente si sono espressi in maniera critica sul suo operato. Un atteggiamento questo che non gli fa certo onore Questa mia vicenda deve spronare i cittadini a chiedere e a pretendere sempre la verità’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento