Giuliana Moretti nuovo vicepresidente del Consiglio comunale

Con 28 voti favorevoli, il consigliere Giuliana Moretti è stata eletta nella seduta di martedì sera nuovo Vicepresidente del Consiglio comunale al primo turno di votazione

Con 28 voti favorevoli, il consigliere Giuliana Moretti è stata eletta nella seduta di martedì sera nuovo Vicepresidente del Consiglio comunale al primo turno di votazione. Due le schede bianche, un voto al consigliere Morolli su 31 voti espressi. Esito positivo anche per l'elezione del presidente della II Commissione consiliare “Pianificazione e controllo”. All'unanimità è stata eletta presidente il consigliere Carla Franchini del Movimento 5 stelle.

Vicepresidente il consigliere Gennaro Mauro (Pdl), con voto unanime del Consiglio e le sole astensioni dello stesso Mauro e del consigliere Renzi. La neo consigliere Liliana Cingolani, subentrata martedì sera in Consiglio comunale nel seggio di Oronzo Zilli a seguito della rinuncia di Marco Lombardi, primo dei non eletti nella lista popolo della libertà, è stata invece eletta vicepresidente della I Commissione consiliare permanente a seguito delle dimissioni del consigliere Eraldo Giudici.

In apertura di seduta il Presidente del Consiglio Donatella Turci aveva dato lettura della comunicazione del gruppo consiliare Popolo della libertà che ha indicato nel consigliere Alessandro Ravaglioli il proprio nuovo Capogruppo. Il Consiglio ha poi discusso e approvato con 16 voti favorevoli e 10 contrari l’Assestamento generale del Bilancio. Approvata anche l’adesione alla convenzione relativa alla costituzione di un fondo comune a favore delle imprese associate alle cooperative di garanzia operanti nella provincia di Rimini.

All’unanimità il Consiglio ha anche approvato l’Ordine del giorno sulla “richiesta di proroga della franchigia fiscale per i lavoratori frontalieri e non reiterazione dell’art. 56 della legge di bilancio da parte dello Stato Sanmarinese” con cui, esprimendo la massima preoccupazione a fronte di una situazione di estrema difficoltà e disagio in cui si trovano gli oltre 6.000 lavoratori frontalieri della Provincia di Rimini.

Impegnando la Giunta a proseguire nelle azioni già intraprese con l'attivazione di un tavolo permanente, coordinato da Provincia e Comune di Rimini, sia al fine di farsi carico delle preoccupazioni dei lavoratori frontalieri e delle loro famiglie sia al fine di attivarsi nei confronti dei diversi soggetti istituzionali, affinché le problematiche che ancora insistono sui lavoratori frontalieri, possano trovare una positiva soluzione. L’Ordine del giorno auspica inoltre che in occasione del primo provvedimento utile il Governo e il Parlamento adottino misure che per i motivi su esposti portino il riconoscimento della franchigia corrispondente almeno a euro 8000 e la non reiterazione da parte dello Stato Sammarinese dell'art. 56 della legge di Bilancio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento