Politica

Giuseppe Chicchi, Liberi e Uguali, pronto a mettere mano alle ex colonie abbandonate

Il candidato al Parlamento ed ex sindaco di Rimini analizza la situazione che vede i ruderi delle strutture infestati da sbandati

Si intravede una strada per affrontare l’antico problema delle Colonie Marine e, in particolare, di quelle di valore storico-testimoniale, perciò vincolate. Sul territorio di Rimini sono noti i casi della Colonia Murri di Bellariva, quelli della Novarese e della Bolognese a Miramare o della Reggiana a Riccione, edifici belli ma in stato di degrado. Altrettanto si può dire di tutti i comuni della costa adriatica dell’Emilia Romagna. Sono testimonianze, spesso di alto valore architettonico, del turismo sociale degli anni fra le due guerre; superato quel modello turistico, restano ruderi in via di degradazione, esempi di un problema che da almeno trenta anni non trova risposta. A voler mettere mano alla situazione è Giuseppe Chicchi, ex sindaco di Rimini e candidato al Parlamento per Liberi e Uguali.

"Le cause di questa situazione - spiega Chicchi - vanno ricercate nei vincoli architettonici e urbanistici, giustamente imposti dalla pianificazione regionale, si sommano problemi derivanti dalla destinazione d’uso (albergo o direzionale) e dalle dimensioni rilevanti degli interventi. Ad esempio la Bolognese ha una superficie utile di circa 12mila metri quadri, la Novarese di circa 8000, ecc. I capitali necessari al recupero sono ingenti e la realizzazione di alberghi implica costosi anni di avviamento. Il Piano Benevolo del 1999 a Rimini aveva previsto la possibilità di destinare a residenza il 25% della superficie utile di questi edifici, attivando con ciò una sorta di prefinanziamento per il recupero ad uso alberghiero del 75% rimanente. La norma fu però cassata in sede di approvazione finale dalla Provincia. Ora la normativa nazionale introduce la nuova figura giuridica del Condhotel. Come dice il nome, si tratta di un ibrido che nello stesso edificio o in edifici attigui, vede la coesistenza fino al 40% di residenziale e di un minimo del 60% di alberghiero. In pratica la vendita a privati della quota destinata a residenza (su cui viene rilasciato il cambio di destinazione d’uso), finanzia in misura significativa la realizzazione di alberghi che, per dimensione, per caratteristiche qualitative e per collocazione, sarebbero idonei all’attività del turismo organizzato e di quello destagionalizzato".

"Questa nuova figura giuridica - prosegue il candidato di Liberi e Uguali - è stata pensata soprattutto come forma di autofinanziamento, di processi di riqualificazione non più rinviabili, per mezzo della vendita di parte della proprietà alberghiera. Il ritardo nell’adeguamento energetico, sismico, tecnologico, negli arredi, ecc. pesa sulla produttività delle strutture ricettive come “diseconomia occulta” e penalizza le destinazioni turistiche “mature” come quella riminese nella competizione sui mercati. Competizione che nel segmento balneare è di livello globale poiché ormai l’offerta è superiore alla domanda. Ovviamente, per una realtà come quella di Rimini, caratterizzata da strutture ricettive mediamente di 40 camere, lo strumento del Condhotel potrà trovare applicazione in direzione di accorpamenti di strutture fuori mercato e sarà il recepimento regionale a definirne caratteri e confini".

"Per il tema “Colonie” invece - conclude Chicchi - è proprio la dimensione rilevante degli immobili a indicare una strada che, oltre agli altri vantaggi già indicati, avrebbe anche quello di superare le criticità di carattere estetico e, talvolta, di ordine pubblico che gli enormi edifici abbandonati presentano. Si sono lette in questi giorni dichiarazioni sul mercato cinese che, pronunciate a Rimini, fanno appena sorridere. Come può arrivare a Rimini il mercato cinese con un aeroporto che, pur avendo la migliore pista di atterraggio della Regione, realizza nel 2017 solo 300mila passeggeri? Ma anche se qualcuno investisse nel mercato cinese (lo fa solo Ital Camel), in quali alberghi troverebbero allotment i Tour Operators che viaggiano con aerei da 300 posti? Penso che qualcuno dovrebbe andare in giro per il mondo a proporre ai TO la ristrutturazione delle colonie con la formula dell’autofinanziamento attraverso il Condhotel.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuseppe Chicchi, Liberi e Uguali, pronto a mettere mano alle ex colonie abbandonate

RiminiToday è in caricamento