rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Politica

Gli agricoltori incontrano i candidati, al centro i temi di manodopera, fauna selvatica e cambiamenti climatici

Il presidente di Cia Romagna, Danilo Misirocchi - insieme al direttore Alessia Buccheri, al vicepresidente Matteo Pagliarani e al responsabile territoriale di Cesena Antonio Bonelli – ha presentato il documento programmatico di Cia

Anche per Cia Romagna sono iniziati gli incontri con i candidati in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Nei giorni scorsi si è svolto il primo incontro, richiesto da Massimo Bulbi candidato per il Partito Democratico. I prossimi in agenda sono con Jacopo Morrone, candidato per la Lega Nord; con il Tavolo dell’imprenditoria della provincia di Ravenna, di cui Cia fa parte, e le candidate per il Partito Democratico Ouidad Bakkali, Eleonora Proni, Manuela Rontini; con Simona Viola candidata per +Europa. Altri incontri sono in fase di definizione e Cia Romagna ribadisce la propria disponibilità ad incontrare tutti i candidati interessati ad un confronto.

Il presidente di Cia Romagna, Danilo Misirocchi - insieme al direttore Alessia Buccheri, al vicepresidente Matteo Pagliarani e al responsabile territoriale di Cesena Antonio Bonelli – ha presentato il documento programmatico di Cia. Approfonditi in modo particolare i temi della manodopera, della fauna selvatica, dei cambiamenti climatici, della siccità, degli obiettivi green. “L’agricoltura è il settore che per primo subisce i cambiamenti climatici e l’unico che li contrasta, in particolare con le colture arboree – afferma Misirocchi – In Romagna la frutticoltura sta via via perdendo ettari coltivati per le crisi di mercato, la burocrazia e il taglio delle molecole e purtroppo così si perdono anche i benefici sull’ambiente che gli alberi producono, oltre a fornire cibo”.

L’emergenza internazionale, con assetti ed equilibri modificati dalla pandemia e amplificati dalla guerra russo-ucraina, ha fatto emergere tutta la nostra fragilità e dipendenza dall’estero, in particolare per cibo ed energia. L’autosufficienza alimentare ed energetica potrà restare un’utopia, ma per Cia bisogna cercare maggiore autonomia e migliorare la pianificazione produttiva. Cia dunque ribadisce la necessità di stabilità e di un governo operativo che attui interventi strutturali per il settore, un piano di rilancio per famiglie e imprese, per il Made in Italy.

In sintesi, i principali versanti messi in evidenza da Cia sui quali è quanto mai urgente agire. La crisi idrica va affrontata con progetti e piani europei di adattamento climatico, più ricerca e innovazione a portata delle aziende agricole, con infrastrutture di conservazione dell’acqua piovana, con realizzazione di invasi e con una nuova rete idraulica per il Paese. Servono anche strumenti, più adeguati e flessibili, in ambito assicurativo e di gestione e copertura del rischio. Occorre portare a vantaggio delle imprese l’agricoltura di precisione e occuparsi della difesa attiva delle colture, incentivando investimenti in tecnologie specifiche di protezione sia tradizionali sia innovative e multifunzionali. Guardare al futuro, anche a quello più vicino, per Cia vuol dire mettere al centro innovazione scientifica, tecnologica e genetica. È la scienza che ci aiuta da sempre anche ad essere meno impattanti. Il tema del taglio lineare sull’utilizzo degli agrofarmaci è particolarmente sensibile per il nostro territorio perché rischia di essere penalizzato più di altri in quanto su questo fronte ha stretto molto e con nuove patologie i tagli per legge rischiano di mettere ulteriormente in crisi il settore. Bene i nuovi obiettivi green europei, che vanno però rimodulati e guidati non dall’ideologia ma dalla scienza, con analisi, scenari, prospettive, ricadute e alternative. Dell’argomento ambiente fa parte anche la questione della fauna selvatica. “La natura è fatta di equilibri – dice Misirocchi - e tutte le volte che l’uomo interviene per distruggere troppo, ma anche per proteggere troppo, crea disequilibri e guai”. Dal 2018 Cia chiede la riforma della Legge 157/1992 e ora serve un commissario straordinario per la gestione della fauna selvatica presso Palazzo Chigi con pieni poteri e coordinamento di una cabina di regia con le Regioni per realizzare la riforma. Sulla questione manodopera occorre smettere di fare speculazioni politiche, in un senso o nell’altro. In agricoltura è soprattutto extra comunitaria. Servono politiche serie, per la gestione dei flussi, per favorire l’integrazione, politiche per la formazione, meno burocrazia. Tutti insieme, rappresentanze, sindacati e istituzioni, dobbiamo affrontare le problematiche di integrazione, abitative e di ricongiungimento familiare perché hanno a che fare con il lavoro e la manodopera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli agricoltori incontrano i candidati, al centro i temi di manodopera, fauna selvatica e cambiamenti climatici

RiminiToday è in caricamento