rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Politica

Gnassi (Pd): "Nel Decreto Alluvione risorse inadeguate e burocrazia, servono misure eccezionali e velocità"

Il parlamentare riminese: "Con i nostri emendamenti individuiamo coperture per il ristoro del 100% dei danni a famiglie e imprese. Più risorse per la ricostruzione pubblica e il 30% vincolate alla viabilità”

“A oltre due mesi dall’alluvione in Romagna, non servono più annunci e chiacchiere, ma risorse e risposte adeguate che finora non sono arrivate. Dopo un primo decreto del governo totalmente insufficiente, approda in commissione e, non ancora in Aula alla Camera, il secondo provvedimento con la nomina del commissario Figliuolo. È una figura autorevole, ma dentro una scelta centralistica e distante dai territori. La struttura commissariale infatti è impostata su procedure lente e burocrazia;  sono previste ben 60 persone, dal costo di 10 milioni, per oltre 160 mila euro a testa di retribuzione (anziché Comuni, enti e Regione che non costavano nulla e conoscevano il territorio). Così si rischia di paralizzare nei tempi e nelle procedure la ricostruzione. Oltre a ciò, questa scelta è stata accompagnata anche questa volta da risorse molto scarse. I 120 milioni di indennizzi a famiglie e imprese stanziati dal governo coprono soltanto una minima quota. Altroché l’impegno del 100% di indennizzi della presidente Meloni!”. Così il coordinatore per l’alluvione del Partito Democratico alla Camera Andrea Gnassi

“Il Gruppo dei deputati del Pd propone modifiche al decreto che vengono dal territorio, con emendamenti puntuali che individuano le coperture, tra cui il ristoro del 100 % dei danni a famiglie e imprese e l’incremento conseguente delle risorse finanziarie. Stesso discorso vale per la ricostruzione pubblica, per la quale chiediamo un incremento delle risorse e che almeno il 30% siano vincolate al ripristino della viabilità. Il governo adesso metta da parte la politica e pensi alla ricostruzione. Le risorse, se si vuole, si trovano. L’idea che più passa il tempo più ci si dimentica, non cancellerà mai il fatto che siamo di fronte a una emergenza eccezionale; che come tale non può escludere risposte straordinarie, anche ipotizzando finanziamenti in deficit o lo scostamento di bilancio. Adesso il governo e la presidente Meloni non hanno più tempo per tergiversare e fare distinguo.  Le proposte che avanziamo vengono dal territorio e non hanno colore politico; è il momento di riconoscerle con fatti e atti. L’Emilia Romagna è una terra che produce ricchezza e che saprà restituire al Paese più di quanto riceverà oggi per risollevarsi e tornare a correre” chiosa Gnassi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gnassi (Pd): "Nel Decreto Alluvione risorse inadeguate e burocrazia, servono misure eccezionali e velocità"

RiminiToday è in caricamento