rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Politica

Gnassi (Pd): "Porterò all'attenzione del neo-ministro Piantedosi la questione della sicurezza di Rimini"

"Sono abituato a parlare con la concretezza, con i fatti che hanno cambiato in meglio il territorio riminese, con le scelte che ci hanno fatto crescere come comunità. Questo pretenderò anche in Parlamento per la nostra terra e per il Paese"

Andrea Gnassi, appena entrato in Parlamento, augura buon lavoro al nuovo Governo Meloni e pone sul tavolo subito il tema della sicurezza di Rimini. Scrive l'ex sindaco e neo-deputato: "Il Governo Meloni ha giurato. I temi sul tavolo sono tanti, ci sono le urgenze di famiglie e imprese, c’è il caro bollette, i fondi del Pnrr che si devono trasformare in progetti ed opere entro il 2023. C’è la guerra in Ucraina, la crisi energetica, ci sono domande a cui si devono dare risposte concrete nel breve periodo, per poi programmare con visione e lungimiranza le politiche dei prossimi anni. Le infrastrutture ad esempio, politiche sociali che guardino ai bisogni e alle povertà fotografati in modo impressionante dall’ultimo rapporto Caritas. Per questo, per l’interesse del Paese e delle nostre comunità locali, vanno gli auguri di buon lavoro alla Presidente del Consiglio ed ai Ministri da lei scelti. L’esperienza sul campo, anni di lavoro e di amministrazione sui territori, ci hanno insegnato che il criterio che conta è valutare i fatti, le azioni concrete ed i risultati. Senza giudizi né tantomeno pregiudizi ideologici". 

"Sulle differenze nette che ci sono, sui diritti, sulla legge 194 e sull’aborto ad esempio, differenze evidenti anche dalle posizioni espresse negli anni da chi oggi è stato scelto come Ministro, il lavoro in Parlamento e nel Paese sarà intransigente, per non fare passi indietro retrogradi e inaccettabili. I valori fondanti della nostra Repubblica sono sanciti nella Costituzione su cui il Governo giura e ancora una volta sarà la Costituzione la guida e il perimetro dei processi democratici del nostro Paese, insieme al Presidente Mattarella".                           

Ed ancora. "Rigore, merito e passione guideranno l’incalzare il Governo, i Ministri e gli apparati dello Stato per arrivare a provvedimenti necessari per la nostra terra e per l’Italia. Saranno gli unici criteri seri su cui impronterò il mio lavoro: lontano dalla logica delle prime impressioni che ho avuto a Roma, tra Palazzo Montecitorio e circuito mediatico. Una logica che porta tanti ad esprimersi in uscite continue, battute polemiche, giudizi preventivi strumentali o di pura visibilità personale. Non c’è tempo per queste cose, serve un lavoro serio da parte di tutti, opposizione e Governo. In questo mese dalle elezioni legittimamente vinte dalla destra che le consegnano ora la responsabilità di governare, abbiamo sentito richiamare alla sobrietà e al rigore proprio coloro che promettevano “la pacchia è finita” in Europa, quelli che parlavano di revisione totale dei fondi del Pnrr e di blocchi navali. Non voglio chiamarla ipocrisia, ma piuttosto una presa d’atto che la campagna elettorale è una cosa, la realtà e il governo un’altra. Ha fatto bene il Commissario europeo all’Economia Gentiloni a ricordare all’Italia che se si è arrivati al tetto del gas europeo proprio ieri, è grazie all’autorevolezza delle proposte fatte in questo caso dal nostro Paese con Draghi. Quell’autorevolezza e quel rigore che il Governo Meloni da domattina dovrà saper dimostrare, ad esempio sui fondi europei che ci spettano e che dobbiamo spendere entro il 2023. Non possiamo permettere che il lavoro fatto negli ultimi anni anche in Emilia-Romagna e nei nostri territori sul Pnrr e sui progetti già partiti sia in qualche modo ostacolato. Mi auguro che la follia sentita negli ultimi mesi di rinegoziare quei soldi fosse appunto solo uno slogan da campagna elettorale. Ridiscutere il Pnrr, se non per qualche ritocco, è una via impraticabile che mette a rischio le tempistiche e i cantieri già aperti. Lo possono confermare i sindaci romagnoli, che saranno chiamati anche col nuovo Governo, come sanno fare, ad incalzare e promuovere progetti forti e autorevoli per ottenere risorse".

E poi l'impegno per il territorio: "Sono abituato a parlare con la concretezza, con i fatti che hanno cambiato in meglio il territorio riminese, con le scelte che ci hanno fatto crescere come comunità. Questo pretenderò anche in Parlamento per la nostra terra e per il Paese. Non chiacchiere, non la fuffa che è tanto facile da urlare a squarciagola. Serietà e fatti concreti. Si comincia mercoledì 9 novembre con l’inaugurazione della sede provvisoria della Questura di Rimini in piazzale Bornaccini. Al Capo della Polizia e al Ministro dell’Interno Piantedosi, che ho conosciuto come persona seria, porrò all’attenzione il Dossier Sicurezza della nostra Provincia, con tanto di foto di degrado e abbandono. Quella di piazzale Bornaccini non è e non può essere che una sede provvisoria, lo dice lo stesso Patto della Sicurezza sancito col Ministero degli Interni. Rimini ha bisogno di uomini, mezzi, sedi di formazione per ogni corpo di polizia che, saltata la sede di via Ugo Bassi, deve trovare collocazione definitiva nella Cittadella della Sicurezza, all’ex Casema Giulio Cesare. Come servitore dello Stato mi aspetto che il Ministro, con il lavoro congiunto di enti locali, Agenzia del Demanio, Prefettura e organi dello Stato, si adoperi perché la Caserma non diventi un altro “bubbone“ che lo Stato regala alla comunità riminese".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gnassi (Pd): "Porterò all'attenzione del neo-ministro Piantedosi la questione della sicurezza di Rimini"

RiminiToday è in caricamento